Quotidiani locali

Basket  

Coppa Toscana, oggi la Geonova sfida Siena

LUCCA . Quattro squadre in campo per aggiudicarsi il primo trofeo della stagione. Stasera e domani al PalaCoverciano andrà in scena la Final Four di Coppa Toscana con i padroni di casa del Pino...

LUCCA . Quattro squadre in campo per aggiudicarsi il primo trofeo della stagione. Stasera e domani al PalaCoverciano andrà in scena la Final Four di Coppa Toscana con i padroni di casa del Pino Firenze che stasera sono pronti a sfidare la Pielle Livorno nella prima semifinale (palla a due alle 18) e la Geonova impegnata contro la Virtus Siena nella seconda partita della giornata (palla a due alle 20).

E se è vero che la Coppa Toscana non rientra mai tra i principali obiettivi stagionali di una società, è vero pure che sono presenti al via quasi tutte le migliori squadre della C Gold e che saranno molte le indicazioni che si potranno avere anche in chiave playoff. Firenze e Siena sono probabilmente le migliori formazioni del campionato, con caratteristiche differenti l’una dall’altra ma molto competitive e con rose infarcite di giocatori che potrebbero stare al piano superiore. La Pielle si presenta da outsider e da squadra che finora ha deluso rispetto alle aspettative di inizio stagione. La crisi di risultati delle triglie ha portato all’esonero di coach Marco Mori e all’arrivo di Andrea Da Prato che però può contare su un organico di alto livello. La Geonova si presenta all’appuntamento priva di De Falco, che ha avuto due settimane di licenza per il viaggio di nozze e rientrerà per la ripresa del campionato contro Montale.

«Stiamo continuando a lavorare bene – esordisce il coach biancorosso Giuseppe Piazza – stiamo disputando un girone d’andata ben al di sopra delle nostre aspettative e obiettivamente stiamo girando vicini alla perfezione perché abbiamo perso le uniche due partite contro Pino Firenze e Virtus Siena, le due squadre che stanno una spanna sopra tutte le altre. Come sempre il nostro obiettivo è vincere ma non abbiamo intenzione di preparare la partita come quella di campionato spremendo i giocatori. Considerata anche l’assenza di De Falco, non voglio avere
giocatori che giocano 78 o 80 minuti in due partite giocate nel giro di 24 ore. Daremo sicuramente spazio ai giovani che avranno a disposizione minuti importanti in partite decisive. Questo non significa essere arrendevoli ma provare a vincere con armi diverse dal solito». (a.p.)

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro