Quotidiani locali

Geonova-Bama, un derby ricco di tanti ex

La prima della classe ancora imbattuta affronta l’ambiziosa compagine altopascese. Palla a due alle 18 al Palatagliate

LUCCA. La prima delle classe, ancora imbattuta, contro una squadra ambiziosa e ben costruita che viene da un avvio di campionato contro le migliori della classe. Il tutto condito da tanti ex da una parte e dall’altra.

Sono questi i temi principali del derby di questo pomeriggio – palla a due alle 18 – che al Palatagliate metterà di fronte Geonova Lucca e Bama Altopascio.

Una sfida che nel recente passato ha sempre visto prevalere i biancorossi sia nei confronti di Coppa Toscana, sia di quelli in campionato. Ma ogni sfida fa storia a sé. La Geonova ha iniziato alla grande con cinque vittorie di fila in coppa che hanno dato la qualificazione alla final four di Coppa Toscana e altre cinque vittorie nell’avvio di campionato, l’ultima sul campo della fortissima Pielle Livorno, con uno scarto larghissimo. La società durante l’estate ha inserito un giocatore di altissima qualità come Riccardo Romano e ora sta raccogliendo buoni frutti grazie anche a quintetti atipici che riesce a mettere in campo con tanti giocatori pericolosi sul perimetro.

In casa Bama il principale interrogativo è legato a chi si siederà in panchina visto che coach Maurizio Romani si è dovuto sottoporre a un improvviso intervento chirurgico per appendicite al quale si è sottoposto martedì scorso e sta affrontando la degenza.

Il suo vice Andrea Giuntoli non ha la tessera che può consentirgli di essere capoallenatore e così c’è pure il rischio che la squadra si presenti priva di coach. Si tratta di un ulteriore imprevisto per la squadra, reduce dalla sconfitta interna contro la Virtus Siena in cui i primi due quarti in equilibrio sono stati seguiti da una seconda parte di gara in cui gli ospiti hanno preso il largo.

«Ci servirà la solita buona dose di attenzione e determinazione – spiega coach Giuseppe Piazza – l’eventuale assenza di coach Romani non deve far pensare che tutto sia più facile perché, come spesso accade, da queste situazioni i giocatori trovano maggiore compattezza e orgoglio. Vogliamo affrontare una partita alla volta e vedere dove arriviamo. Per ora ci godiamo i risultati che abbiamo fatto e andiamo avanti». «Lucca dispone del miglior allenatore del torneo che conosciamo bene per averci portato in C Nazionale nel 2010, nella prima delle sue tre stagioni ad Altopascio – dice il presidente rosablu Sergio Guidi –. Per noi sarà tutto in salita ma abbiamo comunque l'obbligo morale di scendere in campo più carichi che mai,
orgogliosi di quello che abbiamo conquistato solo sul sul campo fino ad oggi. Il nostro compito è difficilissimo contro una squadra molto solida che finora ha fatto benissimo. Per fortuna lo sport è l'unico settore della vita in cui succedono i miracoli».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista