Quotidiani locali

In dieci anni oltre 40 fallimenti

Gianfelice Facchetti, socio onorario di Lucca United, alla Ds racconta delle disavventure dei club di C

LUCCA. Ci voleva un artista sensibile, colto e vicino al mondo del calcio e dello sport in generale per portare all’attenzione nazionale quello che ormai accade da oltre 20 anni in serie C, Lega Pro o Prima Divisione che dir si voglia. Gianfelice Facchetti, figlio del grande Giacinto Magno e tra l’altro testimonial di Lucca United (cooperativa dei tifosi della Lucchese), nel corso della sua rubrica all’interno della Domenica Sportiva su Rai 2 (Facchetti Football Club) ha denunciato le umiliazioni che tantissime città della provincia italiana debbono subire per l’ingresso nelle società di squallidi personaggi arcinoti alle cronache giudiziarie che con pochi scrupoli seducono i tifosi con falsi proclami per accaparrarsi contributi federali e soldi degli incassi e degli sponsor lasciando poi un mare di debiti alle spalle e un destino segnato dal fallimento per la squadra e la città stregate e abbandonate. Facchetti ha parlato dell’umiliazione subita dal Modena (ci piacerebbe sapere con quali criteri la rinnovata serie C di Gabriele Gravina ha ammesso il club dopo che pure il Comune aveva revocato la convenzione), dell’Ancona che dalla A nel 2005 è finita in Prima Categoria dopo l’ennesimo crac, del Como e della Lucchese con un cartello «Vendesi antica società di calcio rispondente al nome di Lucchese Libertas, astenersi perditempo» che vale più di mille parole. E d’altronde negli ultimi dieci anni il club rossonero è fallito due volte: nel 2008 con la gestione dell’incantatore siro-armeno Fouzi Hadj e nel 2011 con la Valore spa dell’architetto pratese Valentini. Un richiamo forte ai valori del calcio, una voce fuori dal coro indispensabile per dare speranza. Bastano i numeri per capire che Gianfelice Facchetti ha centrato il problema. Dal 2007-2008 ad oggi sono più di 40 i club falliti per debiti e non iscritti nel calcio professionistico. Perché il caso Parma è solo la punta dell’iceberg.

2007-2008: Lucchese e Massese cancellate per irregolarità finanziarie e iscritte con nuove società in serie D, Martina cancellata e iscritta in Prima Categoria.
2008-2009: Venezia fallito e iscritto alla serie D, Sambenedettese e Pistoiese fallite e iscritte in Eccellenza.
2009-2010: Perugia e Arezzo cancellate per problemi finanziari e iscritte alla serie D, Figline ripartito per problemi finanziari dall’Eccellenza Toscana. Potenza esclusa per calcioscommesse e fallimento iscritta all’Eccellenza Basilicata, Pescina Val di Sangro e Real Marcianise fallite e rimaste ferme per una stagione, Rimini escluso per debiti e ripartito dalla serie D.
2010-2011: Salernitana e Ravenna fallite e ripartite dalla serie D. Cavese e Cosenza escluse per problemi finanziari con la seconda ripartita dalla D. Atletico Roma cancellato per problemi finanziari e non più ripartito. Lucchese fallita e ripartita dall’Eccellenza Toscana mentre il Gela è fallito e ripartito dalla Terza categoria siciliana.
2011-2012: Taranto, Foggia e Spal escluse per problemi finanziari e ripartite dalla serie D, Piacenza, Triestina, Siracusa e Pergocrema escluse e ripartite dal campionato di Eccellenza.
2012-2013: Treviso e Portogruaro non iscritte e poi fallite ripartite dalla Promozione Veneto, Tritium dalla Promozione Lombardia e Andria Bat dall’Eccellenza Puglia.
2013-2014: Esperia Viareggio non iscritto alla Lega Pro (ma non fallito) e ammesso alla Terza Categoria e Nocerina esclusa per illecito sportivo e ammessa all’Eccellenza Campania.
2014-2015: Monza e Venezia fallite e iscritte alla serie D, Grosseto non iscritto e ripartito dalla serie D, Torres escluso per calcioscommesse e ripartito dalla D. In B il Siena viene escluso per debiti e iscritto con società denominata Robur Siena in D.
2015-2016: Pavia con i cinesi e Rimini con il patron di una discoteca non vengono iscritte ripartendo dall’Eccellenza. Retrocede dalla B la Virtus Lanciano e da quelle parti da due stagioni il calcio non esiste più.
2016-2017: Como, Mantova, Messina falliscono

e si iscrivono con nuove proprietà alla D, la Maceratese fallisce per debiti e chiude, l’Ancona fallisce e riparte dalla Prima Categoria, il Melfi s’iscrive all’Eccellenza. Senza considerare il Latina in B che fallisce e s’iscrive alla D.
 

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista