Quotidiani locali

Nasce l’Fc Lucchese 1905 Sei soci e tanta passione

Al momento il capitale di partenza sarà di 100mila euro e il cda è composto dal presidente Giannecchini, dal vice Micheloni e dall’ingegner Carmelo Sgrò

LUCCA. Come l’araba fenice la Lucchese rinasce ancora una volta dalle sue ceneri. Nel 2008 Sporting, nel 2011 Fc Lucca. Ieri si è costituita ufficialmente l’Fc Lucchese 1905 che rimpiazza a tutti gli effetti l’As Lucchese Libertas 1905 le cui spoglie si trovano in tribunale a disposizione del curatore Andrea Murri (la seconda asta fallimentare è fissata per il 27 giugno e potrebbe andare di nuovo deserta).

Atto costitutivo. La nuova Lucchese riparte da via dello Stadio, di fronte alla tribuna del Porta Elisa. Nello studio del notaio Lamberto Giusti ieri mattina è stata costituita ufficialmente l'Fc Lucchese 1905, la nuova srl che sostituisce la vecchia associazione dilettantistica Fc Lucca 2011. L'atto costitutivo è stato sottoscritto da sei soci del sodalizio che ha fatto rinascere il calcio rossonero conquistando al primo anno la promozione in serie D e gestito la società nella scorsa stagione. Il capitale sociale di partenza sarà di 100 mila euro. Si è scelta una cifra più bassa per evitare una gestione più complessa, visto che al di sopra di questa somma è obbligatorio anche nominare il collegio sindacale. Il Cda è invece formato da un terzetto: Nicola Giannecchini, confermato presidente, Moreno Micheloni, vice presidente, e Carmelo Sgrò, membro del consiglio che subentra a De Luca. Le quote sociali sono state ripartite tra i sei soci, rispettivamente per il 22 per cento a testa tra Nicola Giannecchini, Moreno Micheloni e Laura Nannini che ha incorporato anche la parte del dimissionario Nicola De Luca. Per il restante 34 per cento tra Carmelo Sgrò, Marco Gonzadi (che ha presentato una delega in quanto assente per impegni di lavoro) ed Alberto Francesconi. L'atto notarile è stato redatto dal notaio giusto e dal commercialista Luca Citti. Ancora da stabilire la valutazione della società che era stata stimata in circa 350mila euro, ma nel frattempo la quotazione è cresciuta grazie alla conquista di una categoria superiore e alla concessione dello stadio ottenuta dal Comune. Una struttura destinata a crescere e rafforzarsi con l'obiettivo di tornare nel calcio che conta nel giro di due-tre anni.

Nuovi soci. A breve, come annunciato dagli stessi vertici societari, ci saranno due nuovi ingressi per dare maggiore solidità alla compagine societaria che dovrà affrontare il campionato di serie D con un budget più cospicuo e consolidare il progetto che è appena iniziato. Nei prossimi giorni, forse già la prossima settimana, è previsto un incontro con i rappresentanti del Lucca United. La cooperativa dei tifosi rossoneri acquisterà una piccola quota (dall'1 al 2 per cento). I soci della Lucchese si sono ritrovati ieri sera per iniziare a pianificare la prossima stagione. Un summit con il direttore sportivo Bruno Russo è in programma questo pomeriggio per definire il budget di spesa sul quale il general manager rossonero potrà lavorare per allestire la squadra. Al momento c’è già la piena copertura delle spese delle quattro squadre del settore giovanile (Allievi, Giovanissimi A, Giovanissimi B ed Esordienti). Occorre invece pianificare con attenzione quelle per la prima squadra e la formazione Juniores.

Priorità. «La priorità è prendere giovani importanti che arriveranno a Lucca soltanto dopo aver portato avanti alcune trattative con le società di appartenenza. – dice il diesse Russo – In questi giorni potremmo mettere alcuni tasselli per quanta riguarda gli under». Confermato l'interesse per il promettente portiere Trezza (classe 1995) della società fiorentina del Cattolica Virtus. È lui il dodicesimo che potrebbe fare concorrenza a Casapieri, più grande di appena un anno. L'orientamento di Russo è avere due giovani portieri in competizione e quindi schierare tra i pali un giocatore in quota.

Lavori al manto erboso. Intanto stanno per partire i lavori al manto erboso del Porta Elisa. Venerdì si darà via all'intervento che durerà fino ai primi di settembre. La ditta che svolgerà questi interventi è L'Arte Giardino. Le amichevoli precampionato, come anticipato, non potranno svolgersi e al Porta Elisa e si stanno cercando soluzioni alternative (Forte dei Marmi e Altopascio in pole position). Nel programma sono inserite anche due o tre amichevoli importanti nel mese di agosto.

Dolorosa rinuncia. Federico Petroni non vestirà la maglia rossonera nella prossima stagione. La situazione si è complicata per la decisione del Prato di riprendersi il promettente attaccante di S. Cassiano ed inserirlo nella rosa della prima squadra agli ordini di mister Esposito. «Purtroppo il Prato ha richiesto il calciatore che federalmente è del club laniero dopo il prestito all'Fc Lucca. – dice il diesse Russo – Sapete la fiducia e la speranza che riponevo in questo calciatore e crediamo di avere fatto un buon lavoro di valorizzazione. Pensavamo che potesse rientrare nei nostri piani, ma a meno di ripensamenti partirà con il Prato». Nato e vissuto a San Cassiano a Vico, alterna gli allenamenti alle lezioni al Centro Studi Croce, Petroni, classe 1994, cresciuto nel vivaio del San Filippo, dopo la Fortis Lucchese, è esploso negli Allievi nazionali biancazzurri due stagioni fa segnando gol a raffica. Poi il passaggio all'Fc Lucca dove è riuscito a conquistarsi il suo spazio, per le sue qualità di attaccante combattivo e veloce e la regola degli under. Alla fine con un bottino di sette gol in venti gare. Niente male per un esordiente in Eccellenza. Petroni avrebbe voluto continuare a Lucca, ma il suo cartellino è di proprietà del Prato.

Vertice a tre. Alle 18 al ristorante Grano Salis è iniziata una riunione allargata tra le tre più importanti realtà sportive della città: Lucchese con Nicola Giannecchini e il diesse Bruno Russo, ArcAnthea col patron Alfredo Susanna, Basket Le Mura con Rodolfo Cavallo. Presenti anche alcuni esponenti di Lucca United che riunisce i sostenitori rossoneri. Un confronto a tutto campo nel tentativo di riuscire a individuare eventuali sinergie che consentano un doppio biglietto per le varie manifestazioni sportive. Con lo stesso tagliando la possibilità di vedere le gare di calcio e basket. Inoltre si sono affrontate anche possibili iniziative in comune che in futuro potrebbero portare alla ventilata polisportiva.

«Un incontro interlocutorio - dice al termine il presidente della Lucchese, Nicola Giannecchini - In linea di principio c’è una disponibilità di fondo, ma la prossima settimana occorrerà metterci di nuovo a tavolino per pianificare costi e vantaggi dell’operazione».

Stasera invece ci sarà un summit con tutti i soci per trattare l’argomento del budget da pianificare per la stagione 2012-2013. Si parla insistentemente di un progetto all inclusive (prima squadra, Juniores e settore giovanile) da 7-800mila euro. Giannecchini preferisce non parla di cifre: «Una cosa è certa: non faremo il passo più lungo della gamba. Rafforzeremo la squadra compatibilmente con la certezza di copertura. Altrimenti meglio tenere in rosa qualche calciatore in meno. Tuttavia allestiremo una squadra competitiva».

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia il Tirreno
su tutti i tuoi
schermi digitali. 2 mesi a soli 14,99€

ATTIVA
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.