Menu

Ghivizzano, esonerato Venturelli

La società per la panchina chiama l'esperto Paolo Moschetti

 LUCCA. Emanuele Venturelli non è più l'allenatore del Ghivizzano. La società dopo la sconfitta di Massa ha esonerato l'ex tecnico della Berretti dell'As Lucchese Libertas sostituendolo con Paolo Moschetti, 46 anni, ritenuto un «sergente di ferro».  Ex mediano di serie C negli anni Ottanta-Novanta (Livorno, Cuoiopelli, Pontedera) Paolo Moschetti è un profondo conoscitore della categoria. L'anno passato ha guidato il Pesciauzzanese in Eccellenza (qualcuno lo ricorderà un paio d'anni fa sulla panchina del Real Castelnuovo sempre in Eccellenza). La decisione di sollevare dall'incarico Venturelli è stata molto sofferta nell'ambiente biancorosso. Perché l'ex difensore di Castelnuovo, Catanzaro, Arezzo, Triestina e Lucchese è una persona seria e un ottimo professionista e aveva un buon rapporto con l'ambiente e con i calciatori. I risultati non sono stati pari alle aspettative e all'investimento della dirigenza con l'arrivo di ex professionisti del calibro di Ferracuti, Zurolo, Rojas, Bianchi e Damiano Biggi. «Alla fine contano i risultati e un pizzico di fortuna. - afferma Emilio Volpi, dirigente del club della Mediavalle - Purtroppo Venturelli non è stato fortunato visto che ha perso in casa contro il Montemurlo dopo un'ottima gara ed ha subito un gol beffa nei minuti finali contro la Pro Livorno e contro la Massese. A lui, tecnico preparatissimo dal punto di vista tattico e tecnico, auguriamo le migliori fortune nelle future esperienze».  Paolo Moschetti lo scorso anno ha iniziato al Pesciauzzanese (dove c'era Antonio Paolini, consulente di mercato dei biancorossi) mentre in precedenza ha guidato il Forte dei Marmi, il Camaiore e la Massese, con una breve esperienza anche alla Fortis Lucchese dove prese il posto di Maurizio Antonucci. Da un tecnico quotato che ha avuto in Favarin e Somma due maestri di grande valore ad un "mister" che conosce perfettamente
pregi e difetti degli avversari e si è sempre fatto apprezzare per un rapporto familiare con giocatori e staff dirigenziale. Sarà la soluzione giusta per il rilancio dell'ambizioso Ghivizzano? La situazione di classifica non è buona, ma i mezzi e gli uomini per risalire la china non mancano.

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro