Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Italia Nostra punta il dito contro gli eventi che animano la città: «I Comics annullano vie, piazze e prospettive per lunghi periodi»

La fase di smontaggio di uno dei capannoni utilizzati durante il Lucca Comics

Gazebo, banchi e capannoni, il business cancella la storia: così la pensa l'associazione

LUCCA. Campo Balilla, il consiglio direttivo di Italia Nostra punta il dito contro la sistemazione dell'area nel periodo tra Summer Festival e Comics. «Dopo il concerto del 14 luglio l’ex campo balilla, liberato dal palco, dalle torri e dalle tribune - scrive Italia Nostra - è una grande e squallida distesa di ghiaia mantenuta in essere in vista della costruzione dei capannoni dei Comics. Per rivedere quello scorcio di mura così come la storia lo ha consacrato bisognerà attendere la primaver ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

LUCCA. Campo Balilla, il consiglio direttivo di Italia Nostra punta il dito contro la sistemazione dell'area nel periodo tra Summer Festival e Comics. «Dopo il concerto del 14 luglio l’ex campo balilla, liberato dal palco, dalle torri e dalle tribune - scrive Italia Nostra - è una grande e squallida distesa di ghiaia mantenuta in essere in vista della costruzione dei capannoni dei Comics. Per rivedere quello scorcio di mura così come la storia lo ha consacrato bisognerà attendere la primavera del 2019, e sarà per poco data l’imminenza di una nuova edizione del festival d’estate». La nota prosegue: «Nel luglio dell’anno passato, con decreto del Mibact regionale è stato formalmente riconosciuto l’interesse culturale del complesso delle Mura urbane, spalti e viali di circonvallazione inclusi. Il monumento è stato, così, definitivamente assoggettato alle norme di conservazione, protezione e valorizzazione contenute nel codice dei beni culturali. Si è trattato dell’ufficiale riconoscimento del valore storico e artistico del bene, di indubbio rilievo sul piano giuridico ma in concreto improduttivo di effetti. L’attenzione per il monumento simbolo della città rimane volto - e con una intensità crescente - allo sfruttamento commerciale del richiamo che esso esercita. Anziché rispettata e difesa nella sua integrità in osservanza della normativa di tutela, l’area è avviata verso la stabile destinazione di superficie a servizio delle manifestazioni di massa. Non desterebbe meraviglia se nel futuro ad altri spazi toccasse analoga sorte sulla base dell’aberrante concetto di valorizzazione dei beni culturali recepito dalle istituzioni. È quello che è già avvenuto per l’area del centro». Italia Nostre conclude:«In principio fu la fiera del fumetto in piazza Napoleone sotto una tensostruttura che la occultava per pochi giorni. Sono trascorsi da allora più di quarant’ anni in un continuo crescendo ed oggi i Comics, con il sopraggiunto festival d’estate, con i loro palchi e baracconi, annullano vie, piazze e prospettive per periodi che vanno al di là della durata degli eventi. È lo stravolgimento dell’immagine del centro storico, che non è il palcoscenico di un teatro». —