Quotidiani locali

oggi la cerimonia  

Una nuova panchina rossa contro la violenza sulle donne

Troverà posto nella zona circostante la rotonda di Cafaggio, a Bagni di Lucca  L’associazione “Non ti scordar di te” fa il punto della situazione in Valle



Un’altra panchina rossa, simbolo della lotta alla violenza contro le donne, sarà inaugurata in Valle del Serchio. Arredi speciali, dal significato ancor più speciale, diffusi a macchia d’olio, dal 25 novembre scorso, in tutti i comuni della Valle del Serchio. E così, dalle 11 di oggi, il comune di Bagni di Lucca accoglierà la sua seconda panchina rossa. Sarà ospitata nella zona circostante la rotonda di Cafaggio, quartiere di Fornoli che ne accoglie già una al Ponte delle catene.

È il frutto del progetto (appoggiato dal Comitato quartiere di Cafaggio e dall’amministrazione comunale), pensato con altri dall’associazione “Non ti scordar di te”, il gruppo di operatrici guidate dalla presidente Maria Stella Adami che, a Ponte di Campia e a Castelnuovo di Garfagnana, gestiscono sportelli d’ascolto per donne vittime di violenze.

Su ogni panchina rossa, e anche su quella di Cafaggio, sarà presente una targhetta d’ottone con incisi i numeri telefonici di Non ti scordar di te (0583 766094), dell’associazione La Luna di Lucca (0583 997928) e della Casa delle donne di Viareggio (800 800811). A introdurli l’incipit de “La rossa panchina”, i versi di Maria Grazia Forli, mamma di Vanessa Simonini, giovane di Gallicano uccisa nel 2009 per mano di colui che la voleva tutta per sé. E proprio Maria Grazia Forli sarà la madrina della mattinata a Cafaggio.

L’evento offre anche l’occasione di fare un punto sull’attività dell’associazione ” Non ti scordar di te”. Dall’inizio dell’anno sono state 8 le chiamate arrivate al suo centro, da parte di donne che hanno trovato il coraggio di raccontare la propria storia (ma quel numero si ritiene solo la punta dell’iceberg di un dramma probabilmente molto più diffuso). Tra le segnalazioni ricevute, approfondisce l’associazione, «ci sono quelle di chi ha avviato il percorso con noi, ma aquelle di chi per varie ragioni non è andata in fondo all’iter». Accessi favoriti «dalle panchine rosse e dai nostri progetti, ma anche dal passaparola o dalle forze dell’ordine che, come sempre, si dimostrano collaborative verso di noi».

Tanti i progetti futuri di sensibilizzazione (anche per le scuole) che vedranno Non ti scordar di te impegnata in prima linea; a partire dalla prossima panchina rossa che verrà inaugurata il 16 settembre a Piano di Coreglia. Tornando poi a Bagni di Lucca, in collaborazione col comunale, ci sono tanti progetti in ponte, come spiega l’assessore Francesca Lenzarini: «In vista del 25 novembre vorremmo organizzare giornate di sensibilizzazione coinvolgendo

anche le scuole. Poi, continuare la collaborazione con l’associazione Auser. Vorremmo inserire eventi sul tema nell’ambito della manifestazione Teatro scuola e ci piacerebbe collaborare con le associazioni paesane per istallare nelle nostre frazioni altre panchine rosse». —

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro