Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Nuovo distretto Asl Il cantiere aprirà entro la fine dell’anno

I lavori al centro sociosanitario dovrebbero durare 6 mesi  Nel frattempo le attività saranno smistate altrove  

MONTECARLO

Mercoledì si chiuderà la fase delle manifestazioni di interesse poi, tra le ditte propostesi, si partirà con la gara per l’affidamento dei lavori di ampliamento del centro socio sanitario del Turchetto.

L’opera partirà con qualche mese di ritardo rispetto al cronoprogramma iniziale. Uno slittamento necessario a organizzare i servizi che, nel frattempo, dovranno essere ospitati altrove. «Tra pochi giorni procederemo con la gara e la scelta della ditta per l’ampliamento del centro d ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MONTECARLO

Mercoledì si chiuderà la fase delle manifestazioni di interesse poi, tra le ditte propostesi, si partirà con la gara per l’affidamento dei lavori di ampliamento del centro socio sanitario del Turchetto.

L’opera partirà con qualche mese di ritardo rispetto al cronoprogramma iniziale. Uno slittamento necessario a organizzare i servizi che, nel frattempo, dovranno essere ospitati altrove. «Tra pochi giorni procederemo con la gara e la scelta della ditta per l’ampliamento del centro del Turchetto – spiega Luigi Rossi, responsabile Asl per la zona distretto della Piana – i tempi? Entro fine anno sarà aperto il cantiere, e il distretto sanitario chiuderà a gennaio 2019. Potrebbe esserci qualche giorno di assestamento, ma se queste sono le previsioni. Per la riqualificazione del Turchetto serviranno circa sei mesi». In questo periodo l’Asl garantirà i servizi di prelievo e Cup in collaborazione con associazioni del territorio. Una volta concluso l’intervento la struttura avrà nuovi spazi e funzioni, come la medicina generale che affiancherà le attività specialistiche già presenti, i prelievi e il Cup: quattro stanze in più saranno destinate ai medici di famiglia.

I servizi sanitari continueranno normalmente fino all’apertura del cantiere, poi, quando i lavori partiranno, il centro chiuderà le porte. Per quel periodo l’Asl ha messo a punto un piano organizzativo per dare risposte locali ai servizi di prossimità più importanti e richiesti (prelievi, prenotazioni, sportelli amministrativi e servizi domiciliari) e per la parte specialistica. «Non ci sarà nessuna variazione per quanto riguarda le prestazioni e gli ambulatori che saranno solo trasferiti in altre strutture sanitarie come Marlia e Capannori», precisa Rossi.

Al presidio del Turchetto sono già presenti otto attività specialistiche, più riabilitazione, psichiatria e un consultorio, oltre all’attività dei prelievi.

Il rinnovamento del centro sociosanitario del Turchetto vuole essere il punto di partenza per la trasformazione del distretto in una Casa della Salute, come quella di Marlia. Il polo sociosanitario multifunzionale presente da anni nella popolosa frazione capannorese che sarà al centro di un ammodernamento degli spazi. —