Quotidiani locali

PROGETTO RINASCIMENTO 

«Comune di Bagni chiuso il sabato Un regalo ai dipendenti»

BAGNI DI LUCCAUn regalo ai dipendenti comunali, ma un grave disagio per i cittadini la decisione della giunta comunale di chiudere gli uffici il sabato e di rivedere l’orario anche durante la...

BAGNI DI LUCCA

Un regalo ai dipendenti comunali, ma un grave disagio per i cittadini la decisione della giunta comunale di chiudere gli uffici il sabato e di rivedere l’orario anche durante la settimana: è quando sostiene il gruppo di opposizione di Progetto Rinascimento, che accusa la maggioranza di voler fare del Comune un bunker per la casta invece di palazzo pubblico aperto e al servizio dei cittadini.

Come già aveva fatto anche l’altro gruppo di opposizione, “Un Futuro per Bagni di Lucca”, anche Progetto Rinascimento attacca la scelta dell’amministrazione, usando però toni più duri. È contestato radicalmente l’orario che entrerà in vigore dal primo ottobre: «Ci fa molto piacere vedere che l’attuale maggioranza non si preoccupi per niente di tenere informate le minoranze presenti in consiglio per decisioni così importanti che vanno a intaccare la quotidianità dei cittadini – scrive Progetto Rinascimento – come passata amministrazione avevamo avuto richieste in tal senso da parte di alcuni uffici interni. Ma ogni scelta va ponderata con criterio, mettendo al primo posto il cittadino; l’ente deve essere al suo servizio e non il contrario».

Per molti, sostiene il gruppo, il sabato è un giorno libero, «quindi utilissimo per sbrigare le pratiche burocratiche in Comune. Purtroppo continuiamo a vedere come l’attuale amministrazione continui a prendere ordini da enti, istituti e tecnici pur di non avere problemi, senza alcuna considerazione delle esigenze dei cittadini».ù

Per Progetto Rinascimento con l’entrata in vigore del nuovo orario «oltre a diminuire di un’ora l’apertura degli uffici, si vanno a penalizzare tutti i lavoratori che adesso, per un qualsiasi motivo, si vedono costretti a prendere permessi dal lavoro per poter accedere agli uffici comunali. E non si prenda come scusa il risparmio su riscaldamento ed energia: a gente non vuole più essere presa in giro. Al limite poteva essere scelto come giorno di chiusura il lunedì. Nessun segnale della vicinanza e accoglienza

e trattamento equanime per tutti, millantati in campagna elettorale. A noi più che avvicinarsi al cittadino sembra che si stia facendo di tutto per tenerlo il più lontano possibile dal comune. Anzi, se il cittadino non ci va è addirittura meglio». —

EMANUELA AMBROGI

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro