Quotidiani locali

Servono 35 milioni per la sicurezza di 450 tra ponti e viadotti stradali

Il censimento della Provincia. Per quattro ci sono già le valutazioni: fra questi il Vergai e quello di Sant’Ansano

LUCCA

Oltre 450 infrastrutture tra ponti “rilevanti”, viadotti, ponticelli e attraversamenti minori, dislocati sui 650 km di strade di competenza della Provincia di Lucca, comprese alcune arterie regionali assegnate all'ente di Palazzo Ducale, per i quali servirebbero al momento 35 milioni di euro di interventi in gran parte solo per le verifiche tecniche.

Sono i risultati del monitoraggio condotto da palazzo Ducale – inviato anche alla Regione Toscana, all'Upi e all'Anci - sullo stato di conservazione delle opere dei manufatti con una luce superiore ai tre metri. Il censimento, aggiornato, è stato inviato dall'amministrazione provinciale in questi giorni al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti così come da richiesta dello stesso dicastero a seguito del crollo del ponte Morandi a Genova del 14 agosto scorso.

Per quanto riguarda il metodo adottato la Provincia, nel lungo elenco trasmesso, sono stati evidenziati, tra gli altri, i manufatti ritenuti “rilevanti”, ossia ponti realizzati secondo tipologie costruttive particolari, o ponti con una o più campate con luce notevole, ponti di interesse storico-monumentale, o infrastrutture, viadotti o attraversamenti che, rispetto ad una pianificazione delle emergenze, risultano strategici perché non è presente in loco un'adeguata viabilità alternativa e pertanto eventuali dissesti determinerebbero situazioni di isolamento o, comunque, di forte disagio. I manufatti rientranti nella categoria ritenuta rilevante meritano, ancor prima di poter effettuare una stima effettiva delle opere di messa in sicurezza, una verifica strutturale approfondita e pertanto l’importo stimato associato a tali opere attiene, in molti casi, solo all’affidamento di un incarico professionale per la valutazione di rispondenza delle opere ai carichi verticali e sismici.

Tra i ponti rilevanti segnalati dall'ente di Palazzo Ducale sono presenti quattro opere per le quali la Provincia è già in possesso delle valutazioni tecniche, per le quali viene fornita una stima delle opere di adeguamento e ricostruzione.

Si tratta, nel dettaglio, del Ponte Attilio Vergai sulla strada provinciale n. 48 di Villa Collemandina per il quale è stato stimato un intervento di 600 mila euro; del Ponte della Tambura sulla sp 50 (Vagli di Sotto) per il quale è stato stimato un intervento di demolizione e ricostruzione (costo 2,5 milioni di euro); del Ponte di Sant'Ansano a Ponte a Moriano sulla sp n. 2 Lodovica (Comune di Lucca) dove si prevede un investimento di 2 milioni di euro; e del cavalcavia di Querceta (sulla sp n. 9 di Marina nel comune di Seravezza) per il quale è stato stimato un intervento di consolidamento da 2 milioni di euro.

Da segnalare che la cifra complessiva indicata in fondo alle tabelle trasmesse al ministero (comprensive quindi di ponti rilevanti e altre opere minori) sfiora i 35 milioni di euro

– cifra del tutto indicativa – perché si tratta, come già accennato in precedenza, solo per alcune delle opere citate di risorse destinate ai lavori effettivi, mentre in larga parte di tratta di finanziamenti destinati agli incarichi professionali e alle verifiche sui manufatti. —

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro