Quotidiani locali

Vai alla pagina su Toscana economia
Grande successo per il mercato biologico
DALla terra alla tavola 

Grande successo per il mercato biologico

In piazza San Francesco il mercoledì i produttori della zona propongono le loro eccellenze agricole coltivate senza pesticidi

Il mercato contadino IsolaBio dallo scorso 20 giugno si tiene ogni mercoledì pomeriggio in piazza San Francesco. È nato per volere della Confederazione italiana agricoltori Toscana nord, in collaborazione con il Comune di Lucca e Spesa in campagna Anabio (associazione produttori biologici della Cia e Slow Food). Undici gli stand presenti «selezionati - spiega l’agronomo Paolo Scialla, consulente Cia e promotore dell’iniziativa - sulla base di una varietà merceologica, per offrire ai clienti un’ampia scelta di prodotti che sono tutti certificati bio». Una novità che sta riscuotendo successo. Perché la gente è sempre più attenta a ciò che mette in tavola.

Lo conferma Roberto Dones, titolare dell’azienda agricola Orto Bio di Massaciuccoli, che produce ortaggi e arachidi. «La vita moderna, dice, ci insegna che per vivere bene e a lungo bisogna nutrirsi con prodotti sani, nati su terreni trattati con concimi organici di provenienza animale o vegetale». Dello stesso parere Laura Falchi, socia lavorante della cooperativa sociale Calafata con sede legale alla Caritas di piazzale Arrigoni e numerosi punti di produzione. «La salute dei cittadini - commenta - passa per il rispetto della terra da cui nascono gli alimenti che essi consumano». Molte persone di ogni età in piazza San Francesco, anche molti turisti in fila per acquistare frutta e verdura biodinamica dell’azienda NicoBio di Federico Martinelli, che da tre generazioni opera a Saltocchio.

«La qualità e la garanzia di prodotti sani sono il nostro biglietto da visita e noi siamo sempre pronti a soddisfare le richieste di un settore che rappresenta un valore per la salute e la sostenibilità ambientale» spiega Gianluca Zanini, da anni dipendente dell’azienda. Gli affari vanno bene anche a Stefania Costanza che con il marito Roberto Papucci dal 1994 produce miele sulle colline di S. Andrea di Compito. Una passione nata sei anni prima come hobby che adesso dà grandi soddisfazioni e stimoli, nella consapevolezza di operare in favore del benessere dei propri clienti e al contempo diffondere il principio del consumo etico.

Squisite le mele dell’azienda Ezio Valentini, originario della Val di Non che è riuscito a trasferire a Villa Campanile, in quel di Castelfranco di Sotto, la coltivazione di frutti particolari come le wi-rouge, dalle quali ricava anche un gustoso succo di mela «molto apprezzato dai clienti »,dice Cristiana Bertolucci, che trascorre le sue giornate tra le oltre 30mila piante di melo in un terreno di dieci ettari, dal 2008 convertito al bio. Buoni riscontri anche per "L’orto del nonno" di Monica Palagi, che ogni mercoledì

viene a Lucca da Piano di Mommio e dall’azienda agricola "Alle Camelie" di S. Andrea di Compito, guidata con orgoglio da Claudio Orsi, che sul banco mostra il suo vino "Francé" dedicato a un amico scomparso e una selezione di olio d’oliva, fiore all’occhiello dell’azienda.

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro