Quotidiani locali

bagni di lucca 

Il “Luogo dei ragazzi” per riqualificare i luoghi degradati

BAGNI DI LUCCARecupero del verde grazie all'impegno dei ragazzi. A Bagni di Lucca si può, grazie al "Luogo dei ragazzi", il progetto triennale partito grazie a una idea dell'artista Gilberto Malerbi,...

BAGNI DI LUCCA

Recupero del verde grazie all'impegno dei ragazzi. A Bagni di Lucca si può, grazie al "Luogo dei ragazzi", il progetto triennale partito grazie a una idea dell'artista Gilberto Malerbi, che ha trovato pieno consenso da parte dell'Istituto Comprensivo di Bagni di Lucca e anche di Borgo a Mozzano. Realizzato grazie alla Fondazione Cassa Risparmio di Lucca, prosegue con successo anche nei mesi estivi: obiettivo è coinvolgere più ragazzi possibile (ma la partecipazione è aperta a tutta la comunità ) nel recupero e nella riqualificazione di luoghi che sono stati dimenticati, attraverso la loro trasformazione rigenerativa. L'iniziativa, che impegna i piccoli della scuola di infanzia per arrivare a quelli più grandi, si avvale del patrocinio della amministrazione comunale. Il laboratorio estivo proseguirà fino al 30 settembre e la partecipazione è ovviamente gratuita.

«Dopo avere avuto la approvazione da parte del dirigente scolstico Carla Reggiannini e dell'intero pool didattico che ha accolto con entusismo l'idea - spiega Malerbi, artista a tutto tondo, scultore e non solo, 50 anni, abitante di Mobbiano a San Gemignano, nella Controneria - il compito del Comune è stato quello di individuare le aree verdi dove i ragazzi per tre anni possono lavorare utilizzando solo materiali naturali (si predilige il legno). Sono aree verdi di pertinenza scolastica a Fornoli, Villa, Fabbriche di Casabasciana e San Cassiano di Controni, dentro il cancello della scuola. Ci siamo però interessati anche all'area sottomonte che si trova nel tratto di strada che da Chifenti arriva al semaforo di Ponte a Serraglio, lungo la statale del Brennero, dove anni fa c'era un piccolo parco giochi, un'area che appariva dimenticata. La zona è vasta, si tratta di circa 70 metri per 70. Qui faremo una cattedrale verde nel bellissimo

teatro naturale. I ragazzi pensano già a un campetto per giocare a calcetto e nostro obiettivo è creare anche una parte di socializzazione che possa coinvolgere tutti in modo che, da zona dimenticata possa diventare un giardino sensoriale, uno spazio sociale, terapeutico». —

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro