Quotidiani locali

Vai alla pagina su Toscana economia
Il futuro del cartario alla Fabio Perini

Il futuro del cartario alla Fabio Perini

Presentati i nuovi prodotti e la super macchina Constellation S6, la fabbrica in una stanza. Annunciate altre assunzioni nel settore della ricerca

LUCCA. Il tesoro della Lucchesia si mette in mostra. Stiamo parlando del settore cartario, protagonista della rassegna It’s Tissue. E in via Diodati, alla sede della Fabio Perini Spa, l’evento è stato l’occasione per mettere in mostra un lato di questo tesoro, quello delle tecnologie per produrre la carta. Sì, perché se il nostro territorio è un fulcro mondiale nella produzione della carta, è anche vero che parallelamente esiste un compartimento industriale legato in modo indissolubile a quel settore, ossia quello dei macchinari che la carta la producono e la lavorano.

Del resto, proprio per le caratteristiche del prodotto finale, l’esportazione diretta dei prodotti lavorati di carta è economicamente poco conveniente. Molto meglio andare a produrre tovaglioli, fazzoletti e simili nei paesi in cui si vogliono vendere. Ed è quanto fanno, per esempio, i gruppi del nostro territorio (oltre ai produttori locali). Insomma, per farla breve, là fuori c’è un mercato immenso, grande quanto il globo terrestre, per chi, invece di carta, produce le macchine che la fanno. Ed è qui che si è inserita la Fabio Perini, con stabilimenti a latitudini diverse. In particolare negli Usa, o, ancora in Brasile (dove, a Joinville, è previsto l’ampliamento dello stabilimento da 35 a 50mila metri quadri)

Ma l’azienda, lungi dall’accontentarsi di una posizione di primo piano a livello mondiale nel settore, sceglie di guardare avanti e di fare qualcosa di più, puntando sul mondo digitale. La rassegna It’s Tissue è stata l’occasione per presentare a tanti potenziali acquirenti le ultime creazioni tecnologiche per il settore, a partire dalla macchina intelligente, o, se vogliamo darle un soprannome, la “fabbrica in una stanza” rappresentata dalla Constellation S6.

leggi anche:



Macchine dove il fattore umano resta sì importante, ma con un ruolo diverso rispetto a quello tradizionale, dove una postazione informatica ha preso il posto della vecchia catena di montaggio.Un lavoro meno rischioso, e meno usurante. Anche se resta un dubbio di fondo. Anche meno lavoro? Un pensiero legittimo, anche se la storia ha bocciato il “luddismo”. Il saldo finale dell’avanzamento tecnologico è sempre stato positivo. Non cala il lavoro, più semplicemente cambia.

E, nel caso specifico della Fabio Perini, la scelta di puntare sull’innovazione e sulla ricerca, è destinata a creare nuova occupazione. È il caso del “Tomorrow Lab”, il nuovo laboratorio per comprendere e sfruttare le opportunità create dalla digitalizzazione inaugurato in quest’occasione, e per il quale si aprono spazi occupazionali.



La sfida, viene spiegato nelle note dell’azienda «è apprendere nuove metodologie di lavoro e sperimentare tecnologie emergenti per disegnare business innovativi che nascono, a differenza del passato, in spazi aperti dove il cliente non è solo destinazione, ma anche punto di partenza». Uno spazio di aggregazione aperto, non solo per i dipendenti della Fabio Perini «ma anche per l’ecosistema del tissue e il territorio, un laboratorio di open innovation per la condivisione di “saperi” e a una collaborazione con fornitori, università e istituzioni, uno snodo di una rete che dialoga con start up, incubatori, acceleratori d’impresa e centri di competenza che il governo sta creando per l’industria 4.0».

E qui la notizia: la Fabio Perini sta cercando nuove figure professionali «che conoscano metodologie affermate in altri ambiti ma nuove nel mondo industriale, come il Design Thinking e l’Agile oppure esperti in Digital Marketing, Ux e Ui, persone che conoscano le nuove tecnologie abilitanti, come cloud computing, IoT e Intelligenza Artificiale, professionisti che sappiano gestire i Big Data e abbiano esperienza nella creazione di architetture It moderne». Insomma, in gradi di portare il digitale in quella che fino a ieri era soprattutto meccanica.
 

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro