Quotidiani locali

La compagnia di paese che colleziona sold-out

La storia dell’Aschera, nata a Corfino e che da due anni sta riscuotendo successo in Garfagnana

VILLA COLLEMANDINA. Si conoscono da sempre perché sono nati e vissuti nello stesso luogo, dove gli abitanti sono come una grande famiglia che ogni giorno condivide gioie e dolori. Sempre pronti a tendere una mano quando c’è bisogno e quando si deve fare squadra per risolvere un problema, e in occasione delle tante iniziative che coinvolgono la comunità del loro paese: Corfino, la più nota frazione di Villa Collemandina. È proprio durante una di queste feste paesane che ha preso corpo l’idea di formare una compagnia teatrale dialettale che raccontasse la suggestiva località garfagnina e i suoi abitanti.

Lo spunto arriva nel 2016 durante la seconda edizione di “Un passo nel passato” la festa rievocativa di inizio Novecento che nel fine settimana che precede Ferragosto attira a Corfino migliaia di persone. Un gruppo di donne del posto vestita in abiti d’epoca è intorno all’antico lavatoio in cima al paese, dove un tempo le loro nonne facevano il bucato, chiacchierando e spettegolando, senza risparmiare i battibecchi. Mentre lavano i panni inscenano siparietti improvvisati che poi coinvolgono altri figuranti, divertendo il pubblico che ricambia con applausi calorosi. Tra le lavandaie c’è Ameri Chiari, corfinese doc, di professione infermiera. È lei, riflettendo su queste scenette spontanee, ad avere l’illuminazione per formare una compagnia teatrale che suggerisce di chiamare Aschera, dall’espressione locale che significa “ho voglia di vederti” ma anche “ho voglia dei tempi passati”. Finita la festa Ameri si mette alla ricerca dei futuri attori, contattando i compaesani più caratteristici e con uno spiccato senso dell’umorismo. Qualche incontro poi la fumata bianca. La compagnia dell’Aschera è pronta. Otto gli attori: Ameri Chiari, Daria Santini, Piero Santi, Lucia Dini, Antonio Manetti, Bruno Santini e Domenico Vanni, diciannove anni, il più giovane della compagnia che comprende anche Graziano Clari, detto “o forestiero” perché nativo di Chiesina Uzzanese, benché residente a Corfino da quando, anni fa ha sposato Daria. Adesso si deve pensare alla sceneggiatura della prima commedia. A suggerire il titolo un’espressione comune del posto “Steveme meglie quand un eveme nulla” ovvero “si stava meglio quando non avevamo niente”.

Qualche mese di lavoro poi il debutto nel teatrino di Corfino che non riesce contenere il pubblico che ride a crepapelle per le esilaranti scenette che rappresentano storie di gente comune, reali e di fantasia intervallate da canzonette, poesie e spiritosi sketch. L’avventura è iniziata e di lì a poco arrivano gli ingaggi per raltre località della Garfagnana. Ogni volta con il tutto esaurito, grazie anche alla spassosa partecipazione di Costantina Nelli e Antonietta Bolognini che, pur essendo esterne alla compagnia, sono una presenza costante nelle recite e nei documentari girati da Abramo Rossi.

«L’obiettivo è valorizzare la nostra zona e mantenere vive tradizioni che rischiano di essere dimenticate, ma anche difendere il dialetto locale che un giorno potrebbe scomparire» spiega Ameri sognando di organizzare a Corfino una rassegna di teatro amatoriale in vernacolo. Il successo della commedia spinge la compagnia dell’Aschera, capitanata da Brunella Lemmi, ad andare avanti con un nuovo spettacolo intitolato “Dal maial un s’sciubba nulla” ovvero “del maiale non si butta via niente” che, dopo un fantastico debutto, andrà in scena anche il prossimo 4 agosto a Corfino, robabilmente nella piazza delle Tre Fontane. Sicuramente sarà ancora sold out, visto che in quel periodo Corfino è affollata di turisti che sicuramente sapranno apprezzare lo spettacolo, il cui ricavato sarà come sempre devoluto in beneficenza. Registe dello spettacolo sono Ameri Chiari e Daria Santini che hanno anche un ruolo di primo piano nella performance, una scena della quale porta la firma di Giamberto Giorgi Mariani, già comandante del corpo

di polizia municipale dei Comuni dell’alta Garfagnana. A completare lo staff dell’Aschera, lo scenografo Giampiero Terni, Enrica Brega cassiera, Arianna Terni per grafica e comunicazione, Isandro Lencioni alle luci. Presentatrice Patrizia Ferri.

Rossella Lucchesi

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro