Quotidiani locali

Città sotto choc, è morto l’ex assessore Giovanni Torre

Lucca: aveva 55 anni, stroncato da un malore in ufficio

LUCCA. Un malore, un maledetto malore. Di quelli che non ti lasciano scampo. Se ne è andato così a soli 55 anni (ne avrebbe compiuti 56 fra meno di un mese) Giovanni Torre, notissimo consulente tributario ed esponente politico del centrodestra dalla fine degli anni Novanta fino a tutti gli anni Duemila.

Torre è morto mentre si trovava nel suo ufficio in via Orzali all’Arancio. Si è sentito male e immediatamente i suoi collaboratori hanno chiamato il 118. Ma quando l’automedica e l’ambulanza sono arrivate sul posto non c’era più niente da fare.

Torre aveva iniziato la propria esperienza politica in Forza Italia, nelle elezioni del 1998, entrando in consiglio. Il sindaco Pietro Fazzi l’aveva nominato assessore al commercio, ruolo che aveva mantenuto fino a maggio del 2000, quando per motivi di equilibri politici in maggioranza si era dimesso. A fine 2001 era stato nominato primo presidente di Lucca fiere. A settembre del 2004 divenne presidente di Itinera. Non un caso: Torre era molto attento ai problemi del turismo e, come ricorda Fazzi, «fu lui nel 1999 a portare Lucca per la prima volta alla Borsa del turismo a Milano». Torre era rimasto legato a Fazzi anche dopo la sfiducia

in consiglio comunale: «Un uomo buono e un amico leale», dice l’ex sindaco. Molto amico anche di Mimmo D’Alessandro, era sempre in prima linea a sostegno del Summer Festival. Era stato anche nel cda della Lucchese ai tempi di Fouzi, uscendo assolto dalle inchieste giudiziarie.

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro