Quotidiani locali

Vai alla pagina su Toscana economia
A Coreglia un progetto  per chi è a caccia di lavoro

A Coreglia un progetto per chi è a caccia di lavoro

Per quattro mesi dieci persone in cerca di occupazione aiuteranno il Comune Il tirocinio è destinato anche ai beneficiari dell’assegno di ricollocazione

COREGLIA ANTELMINELLI. Esattamente un mese fa i Centri per l’impiego toscani furono presi d’assalto, e la Valle del Serchio non ha fatto eccezione. Tanti hanno presentato la domanda per l’assegno sull’assistenza alla ricollocazione: 500 euro per 6 mesi per la ricerca attiva di occupazione. Una cifra, quindi, per dar modo di cercare lavoro ed eventualmente per svolgere attività per rimettersi in gioco: corsi di formazione, colloqui, tirocini.

Il Comune di Coreglia, primo nella Valle del Serchio, sta definendo un progetto di quattro mesi rivolto a dieci soggetti, compresi i beneficiari dell’assegno di ricollocazione. Costoro si occuperanno, secondo i progetti formativi che saranno singolarmente adeguati alle caratteristiche dei tirocinanti stessi, sia delle piccole manutenzioni del verde e degli elementi di decoro urbano sia di attività amministrative in supporto agli uffici comunali, sia per attività di gestione di beni culturali. L’ultimo passaggio, quello decisivo, arriverà tra pochi giorni col voto in giunta. Di fatto, sarà uno dei primi provvedimenti del nuovo esecutivo dopo il rimpasto voluto dal sindaco Valerio Amadei con l’ingresso di Carrari e Santi: “Il progetto – sottolinea il primo cittadino – nasce dalla stretta collaborazione con il Centro per l’Impiego della Valle del Serchio e sarà, ne sono certo, importante sia per le persone che saranno coinvolte, sia per il nostro territorio, su cui verranno svolte molte attività di manutenzione».

Gli fa eco il neo assessore al bilancio e ai finanziamenti Ivo Carrari: «Ripartiamo dal successo ottenuto dal progetto “Inclusione per tutti” della scorsa estate, con quattro tirocinanti iscritti alle categorie protette che ha permesso di effettuare un discreto numero di lavori nel nostro Comune. In particolare, voglio porre l’attenzione sul fatto che questo progetto verrà realizzato praticamente a costo zero per le casse comunali».

Le dieci unità saranno selezionate dal Centro per l’impiego di Fornaci di Barga, attraverso i disoccupati (almeno il 50% della forza lavoro), le categorie protette e i soggetti con protezione internazionale. Dunque, oltre a garantire un

supporto all’organico della pubblica amministrazione, questo progetto consentirà ai beneficiari che si alterneranno sul territorio coreglino in tutte le frazioni, di farsi conoscere e, soprattutto, far fruttare le competenze acquisite in vista di una possibile futura ricollocazione.

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro