Quotidiani locali

Vigili del fuoco senza dormitorio

Due locali della caserma evacuati per il rischio di crolli e c’è chi dorme nel modulo delle emergenze

LUCCA. «Garantiamo il servizio anche in tenda se costretti, ma questa situazione sta diventando insostenibile»: c’è un filo di rassegnazione nelle parole della direttrice e vice dirigente del comando provinciale dei vigili del fuoco Vincenza Saccone, ma anche la volontà, incrollabile, di andare avanti, nonostante le avversità. La caserma dei vigli del fuoco in via Barbantini a Lucca versa in condizioni critiche: la pioggia battente dei giorni scorsi, assieme alla neve copiosa, ha reso la struttura in parte inagibile: un controsoffitto è quasi venuto giù, e le infiltrazioni sono evidenti. Bombe d’acqua che gelano, con la paura reale che si schiantino al suolo, distruggendo anche il pavimento. I locali evacuati sono già due: un ufficio amministrativo e il dormitorio, che si trova proprio sopra il parco mezzi, con quasi 20 persone riallocate. E chi svolge il turno di notte è costretto a riposare nella palazzina di fronte. Dal muro esterno delle camerate inoltre, visibile da fuori, cadono calcinacci: c’è il pericolo che colpiscano gli uomini durante le esercitazioni. Interdetta anche la scala interna. Un dramma, insomma. E per risolvere la situazione, serve l’intervento della Provincia, proprietaria dell’immobile, i cui fondi tuttavia scarseggiano.

«Gli incontri con l’amministrazione provinciale ci sono già stati e oggi (ieri, martedì 6 marzo ndr), si è svolto il primo sopralluogo e, dopo le visite dei periti, è stata stanziata una somma d’urgenza, al momento non ancora quantificabile – ci spiega l’ingegner Saccone – siamo fiduciosi che si riesca a intervenire il prima possibile».

Manca una manutenzione programmata, e su un edificio che ha quasi 50 anni, i problemi sono all’ordine del giorno. «Gli impianti non sono più a norma, gli scarichi spesso si intasano, e anche la logistica ne risente – osserva l’ingegner Giunti – è presente anche la linea dell’alta tensione che attraversa tutto il piazzale, e che in un’idea futura di allargamento della sede sarebbe un intralcio. Per ripristinare una situazione accettabile servirebbero un paio di settimane. Siamo in 50 in caserma ogni giorno (16 unità in servizio operativo, più personale di comando e amministrativi ndr), e ridurre i locali a disposizione non ci dà certo una mano». Non mollano però i vigili del fuoco, consci di quanto il loro lavoro sia di necessità primaria per la collettività. «Anche a costo di accamparci dentro, con i sacchi a pelo, non veniamo meno ai nostri doveri – afferma la funzionaria tecnica – la cittadinanza può stare tranquilla. I contatti ci sono già stati e la Provincia si è resa più che disponibile a esaudire le nostre richieste. Dal ministero dell’Interno ci chiedono di garantire l’operatività e noi certamente non ci tiriamo indietro. È toccato giustamente alle scuole, credo però che anche il nostro corpo sia in grado di lavorare in sicurezza».

A rendere il quadro generale ancora più preoccupante ci pensa Fabio Bernardi, coordinatore provinciale Usb: «Da anni non si fa manutenzione: è un problema cronico. I pavimenti sono sporchi, e alcuni vigili sono costretti a dormire nel modulo abitativo per le calamità naturali, a metà tra una tenda e un camper, e può contenere al massimo 9 persone. All’interno ci sono solo brandine e riposare lì non è facile. Serve per le emergenze, e deve essere sempre pronto». E poi quello che per certi versi è un paradosso. «Lo stabile non rispetta le norme antisismiche: viviamo quasi come gli alluvionati. Metterlo in regola? Costerebbe più che costruirlo ex novo. Quello di Marina di Pietrasanta, costruito nel 2015 è costato

quasi 2 milioni di euro. Gli altri invece non se la passano meglio: il distaccamento di Viareggio è peggio di quello di Lucca, mentre a Castelnuovo, per fortuna, stanno facendo alcuni lavori. Domani abbiamo un incontro con il comandante Coppola: il problema si deve risolvere».

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro