Quotidiani locali

Pochi disagi in Valle ma gli studenti oggi restano a casa

Passi appenninici transitabili, problemi per i ritardi dei treni Contenti i gestori degli impianti sciistici dell’Alta Garfagnana

VALLE DEL SERCHIO. Alla fine, la "buriana" è passata, lasciando la Valle del Serchio imbiancata come non si vedeva da tempo, ma soprattutto senza grossi disagi per automobilsti e residenti nelle frazioni più a monte. Diversamente da quanto accadra a Lucca e nella Piana, le scuole in Valle del Serchio rimarranno chiuse anche oggi.

La nevicata, copiosa e che in alcuni centri dell'Alta Garfagnana ha superato il mezzo metro, che a partire dalla sera di mercoledì è caduta in tutta la Toscana nord occidentale, ha regalato scenari da cartolina, ma soprattutto ha messo alla prova la macchina dei soccorsi.

L'allerta, preannunciata da tempo, ha messo i sindaci garfagnini nelle condizioni di organizzare al meglio i servizi sul territorio, e tutto ha funzionato alla perfezione. Macchine spargisale hanno lavorato a pieno regime nei pressi delle stazioni ferroviarie sulla Aulla - Lucca, mentre gli spalaneve hanno compiuto più giri di ricognizione, garantendo strade pulite e sicure, almeno per quanto riguarda le principali vie di comunicazione. A Barga, la coltre bianca è caduta maggiormente nelle due frazioni di Tiglio e Pegnana, così come a Renaio e tutta la zona del crinale appenninico. Sul fondovalle, nessun problema a Fornaci dove via Repubblica è stata percorribile sin dal mattino. A Gallicano, spazzaneve in azione a rotazione nei paesi a monte e a valle, e nel capoluogo la situazione è tornata alla normalità sin da subito. A Coreglia, le criticità riguardavano l'area montana tra Piastroso, Crocialetto e Gromignana, ma i due mezzi a disposizione dell'amministrazione comunale hanno fatto il loro dovere. In Garfagnana, l'unico problema è stato l'accumulo di neve attestatosi mediamente sui 30 centimetri, ma gli interventi coordinati dall'Unione Comuni sono stati puntuali e, grazie all'aiuto delle associazioni locali, hanno consentito di coprire tutto il territorio, come successo a Castelnuovo dove, per ripulire e rendere più sicure le vie del territorio, le squadre dei volontari della Misericordia e degli autieri si sono messi in azione per la comunità. I passi appenninici sono stati transitabili, anche se il flusso di veicoli è stato minore rispetto al passato. I problemi, invece, hanno interessato i trasporti pubblici. Se i bus hanno viaggiato regolarmente (escluse le corse scolastiche) i treni sono stati croce e delizia dei pochi pendolari: il convoglio 6955 delle 5.58 da Aulla a Piazza al Serchio ha accumulato 60 minuti di ritardo per un guasto ad un passaggio a livello, Il 6957 che da Minucciano arriva a Lucca alle 8.50 è partito con 20', portando anche disagi al convoglio incrociante, mentre il 6962 delle 8.25 da Lucca per Piazza al Serchio è stato cancellato. Nel pomeriggio

la situazione è migliorata, ma tutto sommato poteva andare peggio. Gli unici contenti sono stati i gestori di attività ricettive e impianti sciistici dell'Alta Garfagnana, che grazie ai fenomeni nevosi di queste ore, si preparano ad un fine settimana all'insegna del sold out.

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro