Quotidiani locali

Lei lo riprende in casa e lui la maltratta: arrestato

I carabinieri sono intervenuti di nuovo, conoscevano già la famiglia. E per lui scatta anche il divieto di dimora

LUCCA. Picchiava la moglie. L’aveva già fatto in passato e l’altra sera ci ha provato di nuovo. Per fortuna sono arrivati i carabinieri: ma neppure la vista delle divise è servita a placare i furori di un 49enne originario del Marocco. L’uomo ha iniziato a inveire anche contro i militari che alla fine lo hanno arrestato con l’accusa di maltrattamenti e resistenza a pubblico ufficiale.

Questa mattina il soggetto (di cui non rileviamo il nome per non rendere identificabile la vittima) è stato portato in tribunale per l’udienza direttissima. Il giudice Gerardo Boragine ha convalidato l’arresto e concesso i termini a difesa chiesti dal legale dell’imputato. Non solo: per tutelare la vittima dei maltrattamenti, in attesa della prossima udienza, il giudice ha disposto nei confronti del marito violento il divieto di dimora nel Comune di residenza della donna.

È una brutta faccenda quella che si è verificata venerdì in un Comune della Piana: 49 anni lui, 40 lei. Stanno insieme da tempo e hanno anche due figli minori. Ma la loro non è la tipica famiglia da Mulino bianco. L’uomo è manesco e irascibile e quando perde la testa picchia la compagna. Lei lo ha anche denunciato e per un po’ di tempo l’uomo è stato alla larga. Poi i due si sono riavvicinati, anche per la questione dei figli. Lei, originaria di un Paese europeo, credeva che le cose potessero andare meglio e così ha concesso una nuova chance a quell’uomo. Un’illusione che si è rivelata tale nella giornata di venerdì quando il soggetto ha dato di nuovo in escandescenze e ha maltrattato pesantemente la 40enne. Lei si è difesa e prima che la situazione degenerasse si è chiusa in camera e ha chiamato il 112: i carabinieri, conoscendo già i precedenti

della famiglia, sono arrivati in un battibaleno. L’uomo era agitato e non si calmava: insultava la compagna e anche agli agenti si è rivolto in maniera aggressiva opponendo resistenza. Così è scattato l’arresto. Ora non resta che aspettare la sentenza del giudice.

 

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon