Quotidiani locali

Palestra al freddo, salta il corso di ginnastica artistica

Il Csi avvisa i genitori dei bimbi del guasto al riscaldamento. Il Comune: «Il problema dovrebbe essere risolto in giornata»

LUCCA. Pensate di indossare body e calzamaglia e di svolgere una lezione di ginnastica artistica, in una di queste serate d’inverno, all’interno di una palestra senza riscaldamento. Questo hanno fatto per diverse settimane una trentina tra bambini e bambine iscritti al corso comunale organizzato dal Centro sportivo italiano (Csi) Lucca, all’interno della palestra della scuola primaria Giusti, sul viale Don Minzoni a Sant’Anna. Una media di sei o sette gradi percepiti e qualche mamma che, per far fronte alla situazione, si era addirittura organizzata portando le stufette da casa.

Ora, dopo lo stop degli allenamenti per le festività natalizie, la situazione non è ancora stata risolta tanto che il Csi ha avvisato i genitori dei bambini iscritti che la lezione prevista ieri sera non ci sarebbe stata causa riscaldamento ancora fuori uso. Troppo freddo per allenarsi e nessun’altra struttura al momento a disposizione per un eventuale trasferimento del corso, quindi piccoli atleti costretti a saltare l’allenamento in attesa che venga trovata una soluzione da parte del Comune, al quale spetta la manutenzione dell’impianto.

Comune che, stando a quanto riporta l’assessore all’edilizia scolastica e sportiva, Stefano Ragghianti, è intervenuto già nella giornata di ieri per ripristinare il riscaldamento. «Qualcosa è già ripartito e qualcosa in giornata dovremmo sistemare. Gli idraulici sono sul posto e domani (ndr: oggi) dovrebbe essere a posto», dichiara Ragghianti mentre si trova impegnato in una riunione fuori Lucca.

Intanto però il corso è stato sospeso e il protrarsi di questi disservizi comincia a farsi pesante per le famiglie dei bambini iscritti. «Le bimbe a novembre e a dicembre hanno fatto ginnastica con una media di 6 o 7 gradi – segnala una mamma – poco prima delle vacanze ci era stato detto che da oggi (ndr: ieri) il corso sarebbe stato spostato al palazzetto invece venerdì il Csi ci ha detto che oggi (ndr: ieri) non ricominceranno perché al palazzetto non sono ancora pronti per accoglierle e alla palestra di via Don Minzoni non le possono più far allenare per via del riscaldamento che non funziona».

Un disservizio che, stando a quanto dichiara il presidente del Csi Lucca, Giulio Landucci, dovrebbe essere temporaneo, o almeno questo è ciò che lui auspica. «Sono in attesa di una soluzione del Comune in tempi brevi – spiega – nel frattempo anche noi ci siamo mossi per cercare delle palestre alternative, magari quelle delle scuole superiori, ma comunque non lontano da lì perché non vogliamo mettere ancora più in difficoltà le famiglie. Io comunque chiedo personalmente scusa e sono convinto che alla fine, a fronte di questi problemi tecnici, prevarrà il buonsenso. In più voglio rassicurare le famiglie che le lezioni saranno tutte recuperate».

Tra i genitori però, c’è chi, di fronte all’ipotesi di una soluzione alternativa, storce un po’ la bocca. «È giusto organizzare corsi comunali – si chiede una mamma – prendere i soldi in anticipo e poi cambiare le carte in tavola a metà anno? L’anno scorso cominciai a fare un corso comunale al palazzetto poi lo spostarono a San Filippo e poi andammo a finire quasi a San Pietro a Vico e quindi fui costretta a riorganizzare tutto. Se il Comune – continua – non è in grado di organizzare i corsi che lasci perdere. Però che non si riempia la bocca su quanto sia importante lo sport per i bambini quando poi non si trovano
i soldi per aggiustare il riscaldamento di una palestra». Stando a quanto riporta ancora la mamma di una delle bambine iscritte, la palestra sarebbe al freddo anche durante l’orario scolastico tanto che, «per la mancanza del riscaldamento gli alunni non stanno facendo educazione fisica».

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon