Quotidiani locali

Una bolletta da infarto: da pagare 1.200.040 euro

La cifra arrivata a un 75enne di Capannori. Enel: «Un errore, fattura sospesa»

CAPANNORI. «E sì, forse mi sono dimenticato accesa la luce in cantina»: adesso ci scherza su Pietro Baldassari, settantacinquenne di Tofori, ma quando ha aperto quella bolletta dell’Enel la reazione è stata ben diversa («Ho rischiato di sentirmi male»).

Sì, perché quella bolletta, alla voce “totale da pagare”, riportava nove numeri, per la precisione 1.200.040,48, che tradotto in lettere si legge un milione e duecentomilaquarantanove euro (per tacere dei 48 centesimi): «All’inizio ci ho messo un po’, anche perché quel numero si leggeva male, poi quando ho capito a quanto ammontava... una cifra da cardiopalma». Un errore, certo, era evidente che non poteva trattarsi che di un errore. Ma provate a mettervi nei panni dell’uomo.

Immediatamente è partita la mobilitazione per dare una spiegazione all’accaduto, con l’uomo pronto a rivolgersi alla figlia Sandra, in quanto avvocato. Una situazione che si è risolta quasi subito, frutto di un banale sbaglio della telelettura (ma quanta paura nel frattempo). La stessa società per l’energia elettrica interviene per spiegare l’accaduto, spiegando che ovviamente no, l’uomo non dovrà pagare un milione e duecentomila euro: «In riferimento alla bolletta di 1.200.040 euro, arrivata al cliente Pietro Baldassarri di Capannori, Enel precisa di essere intervenuta immediatamente e di aver sospeso la fattura in attesa dell’emissione di quella corretta.

Enel si scusa con il cliente per il disagio arrecato, ricorda che nessun pagamento di questo tipo è dovuto e che sono in corso le azioni per il ricalcolo corretto. Si è trattato di un problema generato da un errore del sistema in fase di trascrizione della lettura in telegestione: Enel seguirà direttamente l’evolversi della vicenda fino alla positiva risoluzione».

Bolletta da oltre un milione di euro, il pensionato: ''Neanche una cartiera consuma tanta corrente'' "Qualcuno avrà pigiato dei bottini che non doveva pigià". Commenta così, in maniera ironica, il palese errore da parte dell'Enel nel totale della fattura Pietro Baldassari, settancinquenne di Tofori (Capannori) che tre giorni fa si è ritrovato davanti a una cifra da capogiro da saldare. Ma per fortuna la situazione si è risolta quasi subito con la sospensione della bolletta e le scuse da parte dell'Enel

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro