Quotidiani locali

Lenci, la vetrina liberty “venduta” anche all’estero

Le immagini della splendida composizione del negozio in Fillungo sono state messe sul mercato da siti specializzati

Per capire come oggetti, ambienti, pezzi di strada e di vita che a noi sembrano normali e quotidiani abbiano invece un’importanza che magari nemmeno ci immaginiamo basta perdere un paio di minuti in un piccolo esperimento. Se provate a cercare su Internet “Francesco Lenci” insieme alla parola Lucca, vi troverete davanti a un buon numero di fotografia scattate alla vetrina del negozio di via Fillungo che ora ospita Carpisa.

Ma quello che più incuriosisce è che diverse di queste immagini sono state pubblicate da persone che vivono al di fuori dell’Italia. E addirittura, in almeno un caso, una foto della vetrina viene messa in vendita, a prezzi diversificati a seconda dell’uso che se ne vuole fare.

E, in effetti, la composizione architettonica e artistica non solo della vetrina, ma dell’intera “mostra” di quello che per decenni è stato il negozio di abbigliamento di Francesco Lenci (una delle famiglie che hanno fatto la storia del commercio cittadino), è di quelle che non possono che colpire. Un grande portale in pietra con decorazioni sui capitelli e nella parte più alta. Nella lunetta, poi, il pezzo forte: una composizione in vetro colorato e lettere in oro a disegnare motivi geometrici e floreali in pieno stile liberty. Certo, il tempo fa sentire i suoi effetti. Innanzitutto proprio nella parte in vetro, che ha perso di brillantezza e in alcune parti anche i colori avrebbero bisogno di una ripassata”. Ma - soprattutto - con il trascorrere degli anni si è perso il classico ingresso con le vetrinette laterali e la porta leggermente arretrata, che è invece documentata nella foto di Eugenio Ghilardi contenuta nell’Archivio fotografico lucchese che pubblichiamo qui a lato e che risale agli anni Trenta del secolo scorso.

Il progetto. Luccainsegne è un progetto nato in collaborazione tra la community @igerslucca, con i local manager Andrea Dovichi e Luca Stiantos Silva e la redazione lucchese de @ilTirreno. L’idea è di fare una cavalcata a ritroso nel tempo con l’obiettivo di accompagnare i lettori nella
riscoperta delle insegne storiche dei negozi cittadini che sono pregio e vanto del centro storico l Il percorso i durerà per tutto il 2017, ogni mercoledì: l’hashtag di riferimento è #luccainsegne! Per vedere tutti gli articoli pubblicati visitare http://bit.ly/luccainsegne



TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro