Quotidiani locali

il caso delle bidelle 

Bindocci: Auriga, trovare una soluzione come a Palermo

LUCCA. Trovare una soluzione per le donne lucchesi impiegate dalla coop Auriga nella pulizia e sorveglianza delle scuole. Sulla falsariga di quanto sta avvenendo a Palermo.Lo chiuede Massimiliano...

LUCCA. Trovare una soluzione per le donne lucchesi impiegate dalla coop Auriga nella pulizia e sorveglianza delle scuole. Sulla falsariga di quanto sta avvenendo a Palermo.

Lo chiuede Massimiliano Bindocci (Uil) che ricorda come queste lavoratrici «sono costrette da decenni in un appalto assurdo, che adesso è stato gestito con gara Conspi e dato a Lucca in subappalto da Dussmann ad Auriga e che le vede lavorare con una riduzione orario assurda, molte da circa 36 ore sono ridotte a nemmeno 12 ore settimanali. La azienda non rispetta la banca ore che doveva garantire parità di stipendio, e le Scuole belle, la cui gestione doveva far recuperare le ore a queste addette non è stata a Lucca gestita in modo intelligente dal Ministero e dai vari dirigenti, non spendendo risorse per mille motivi, ma di fatto perdendo risorse sul territorio».

I Comuni di Lucca e Capannori - spiega ancora Bindocci - «tacciono e non parlano mai di questa cosa, che è invece una vera e propria vergogna "bipartisan", iniziata con la Gelmini e proseguita con la Fedeli. Adesso la soluzione che il governo troverebbe sarebbe la internalizzazione, ma solo per Palermo, dunque gli onorevoli lucchesi contano qualcosa? Addirittura si prevede una internalizzazione nella scuola, cosa che riteniamo sacrosanta, ma non è accettabile che avvenga
solo per Palermo. Sulla base di questo chiederemo un incontro agli onorevoli del territorio, perchè le donne che lavorano a Lucca, ma ve ne sono anche a Viareggio ed in altri Comuni della Provincia non possono essere dimenticate, in Provincia sono circa 200».

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro