Quotidiani locali

Il caffè di lucchesi e turisti nella piazza più amata

Il bar Casali da decenni presidia il vero centro della città. All’inizio si trovava sull’angolo opposto, dove ora c’è la farmacia

LUCCA. I bar - anzi: i caffè - sono elemento indispensabile della piazza principale di qualsiasi centro storico italiano. Che poi questo, nella stragrande maggioranza dei casi, vuol dire la piazza del Duomo o quella del Comune - o entrambe le cose. Non a Lucca, dove la piazza centrale è senz’altro quella dedicata a San Michele dove, però, non c’è né cattedrale né palazzo municipale. In compenso ci sono tanti negozi, tante banchi e tanti caffè. E fra tutti non può che svettare, dall’alto di decenni di storia, il caffè Casali sull’angolo fra la piazza e via Roma. Bar, gelateria, tabaccheria. Un luogo di passaggio obbligato per i lucchesi e - sempre più con il passare del tempo - per i turisti.

Il Casali non è sempre stato collocato nella posizione attuale. Originariamente, infatti, occupava tre vetrine dell’angolo opposto, fra via Beccheria e piazza San Michele, dove ora si trova la Farmacia Centrale e dove fanno bella mostra i dodici putti in ceramica realizzati nel 1922 da Umberto Pinzauti.

Nel dopoguerra il trasferimento a poche decine di metri di distanza, nella sede attuale, scambiandosi proprio con la farmacia. Le vetrine e le insegne sono state rimaneggiate con il passare degli anni, ma senza perdere la fisionomia. Sul lato di piazza San Michele attorno alla scritta “Gelateria” si intravvede una cornice che risale ai tempi della farmacia.

Il progetto. Luccainsegne è un progetto nato in collaborazione tra la community @igerslucca, con i local manager Andrea Dovichi e Luca Stiantos Silva e la redazione lucchese de @ilTirreno. L’idea è di fare una cavalcata a ritroso nel tempo con l’obiettivo di accompagnare i lettori nella riscoperta delle insegne storiche dei negozi cittadini che sono pregio e vanto del centro storico lucchese che, tra tante altre cose da ammirare, balza subito agli occhi dei turisti, anche di quelli meno attenti.

Il percorso durerà per tutto

il 2017: settimanalmente racconteremo sul quotidiano, sul sito del Tirreno Lucca e sull’account @igersLucca, storia ed estetica di quelle insegne.Tutto, ovviamente, partendo da una fotografia: l’hashtag di riferimento è #luccainsegne.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
 

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro