Quotidiani locali

La storia del Novecento dentro la “Primula verde”

Il fondatore fuggi alle persecuzioni razziali del regime fascista. Dopo il banco in San Michele arrivò il primo negozio: “Al risparmio”

LUCCA. All’inizio quella che oggi conosciamo come “La Primula verde” si chiamava “Al risparmio”. Nome perfetto per il periodo nel quale venne inaugurato il negozio: il giorno di Befana del 1947, con le ferite della seconda guerra mondiale ancora aperte e con tantissime famiglie che, oltre alla vita dei propri cari, avevano anche perso ogni stabilità economica. Lucca non faceva eccezione. Il miracolo economico era ben lungi dall’arrivare. E allora un negozio di abbigliamento che si chiamava “Al risparmio” poteva avere un forte richiamo.

A fondarlo fu Eugenio Gennazzani, e anche questa è una storia dentro la storia. Perché Gennazzani, di religione ebraica e di origine livornese, era riuscito a sfuggire alle persecuzione razziali dell’Italia fascista e alleata con Hitler. Poi era arrivato a Lucca, dove con il padre aveva aperto un banco in piazza San Michele. Il grande passo - come detto - all’inizio del 1947 con il negozio.

Ventun’anni dopo e con il boom in mezzo “Al risparmio” si trasforma nella “Primula verde” come la conosciamo ancora oggi, grazie all'intuito imprenditoriale di Eugenio insieme al fratello Guido. Con la sua inconfondibile insegna di via Santa Lucia, ovviamente verde e tutta in corsivo.

Un negozio dove si può trovare praticamente qualsiasi capo di abbigliamento. Un porto sicuro per un regalo o un’esigenza dell’ultimo minuto.

Per tantissimi anni Gennazzani ha portato avanti con la famiglia l’attività in via Santa Lucia. Ma, per la città, ha rappresentato molto di più. Come referente della comunità ebraica di Lucca, infatti, ha partecipato a moltissime cerimonie legate al tema della “memoria” di quanto accaduto nel corso del Novecento.

Eugenio Gennazzani se ne è andato nel 2011. Suo fratello Guido era scomparso venti anni prima. Il timone era allora passato

alla moglie di quest’ultimo, la signora Maria Gabriella Pucci, scomparsa nel mese di marzo scorso. Oggi il negozio è portato avanti dai figli di Guido e Maria Gabriella, Roberto e Marco Gennazzani, pronti a celebrare, l’anno prossimo, i cinquant’anni della “Primula verde”.
 

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro