Quotidiani locali

Riapre l’hotel a 5 stelle nell’Oltreserchio

Lucca: il “Villa Casanova” è stato dichiarato fallito ma imprenditori hanno rilevato la gestione

LUCCA. Riaprirà il 1° settembre l’hotel cinque stelle Villa Casanova a Balbano. Una buona notizia per tutto il settore del turismo lucchese dopo quella - assai peggiore - del fallimento della società che, fra 2009 e 2010, aveva acquistato l’immobile e, dopo la ristrutturazione, aveva aperto l’albergo di lusso.

Il giudice e il curatore fallimentare avevano deciso di cercare imprenditori disposti a rimettere in piedi l’attività, in attesa dell’asta giudiziaria. E a farsi avanti sono stati alcuni albergatori con una grossa esperienza del settore, che hanno dato vita a una società ad hoc (la Sm Management) che ha preso in affitto la gestione della struttura che può contare, fra le tante cose, su una vista mozzafiato sull’Oltreserchio.

A tirare le fila è il fiorentino Maurizio Innocenti, che non nasconde l’emozione e l’entusiasmo per questa avventura imprenditoriale: «L’albergo è veramente fantastico, così come incredibile è la ristrutturazione che è stata fatta. La nostra prospettiva è di aprire a inizio settembre, anche se il servizio di prenotazione online è ovviamente già disponibile sul nostro sito».

La situazione strutturale dell’albergo, aperto fino alla scorsa estate, è eccellente: 1.200 metri quadri di superficie spalmati su quattro piani che comprendono 14 suite con rifiniture di lusso e mobili fatti arrivare dall’Inghilterra e dal sud della Francia. A impreziosire il tutto il grande parco e la vista spettacolare su valle Casanova e sulla Rocca di Nozzano: stesso panorama che si può godere dalla piscina all’aperto realizzata insieme a un campo da tennis».

L’albergo partirà mantenendo la sua categoria di cinque stelle. «Poi - spiega Innocenti - decideremo se levarne una o se trasformarlo in un resort».

La nuova società ha mantenuto l’organico precedente: «Siamo andati a ricercare tutti i collaboratori - prosegue il manager - perché sappiamo che erano molto validi». L’albergo rimarrà aperto anche durante il periodo di Natale e Capodanno, soprattutto se ci saranno richieste. Poi la riapertura a marzo, con l’avvio della stagione e la messa a regime della struttura. «La nostra idea - spiega Innocenti - è di andare avanti fino a Lucca Comics, manifestazione che riteniamo fondamentale, prima di prenderci una pausa».

Il contratto di affitto firmato con la curatela del fallimento ha la durata di un anno, anche se poi sarà possibile una proroga di altri dodici mesi. Due anni, infatti, sono considerati una sorta di tempo minimo indispensabile per mettere a reddito l’albergo. Poi ci sarà da affrontare l’asta giudiziaria per la vendita della grande villa, del terreno e delle varie dependance. «La nostra intenzione è di
partecipare, ovviamente vedremo come andrà l’attività». Per il momento è cominciata la necessaria operazione di visibilità: «Grazie alla nostra esperienza abbiamo una serie di portali per questo tipo di strutture, sui quali ci facciamo vedere. Ovviamente serve tempo, ma siamo fiduciosi»..

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

LE GUIDE DE ILMIOLIBRO

Corso gratuito di scrittura: come nascono le storie