Quotidiani locali

Summer festival: Robbie, 11.000 fan in delirio

L’ex Take That, vestito da boxeur, trascina con una scaletta da 17 brani

LUCCA. Il popolo di Robbie Williams era già lì ad attenderlo da ore, centinaia di fan in fila ben prima dell’apertura dei cancelli di piazza Napoleone, gremita da oltre 11mila fan (erano 16mila nel 2015) arrivati da tutta Italia e da tutto il mondo, in visibilio per il re del pop contemporaneo. È lui la star più attesa del ventennale del Summer Festival. Robbie, tornato con un nuovo tour, regala un concerto di grande energia, in cui ha confermato le sua capacità di entartainament, un one show man capace di stupire e divertire, accompagnato da una band e ballerini tra pannelli visivi e le coreografie dei suo fedelissimi fan cresciuti con i poster dei Take That e in questi suoi venti anni di carriera da solista in cui ha raggiunto i vertici delle classifiche mondiali.

La giornata lucchese di Robbie è iniziata nel pomeriggio dopo essere atterrato all’aeroporto di Pisa e immediatamente trasportato a Lucca. Coccolato dagli organizzatori nel suo camerino Robbie ha fatto un po’ di ginnastica per scaldare il fisico. Il concerto, aperto dagli Erasure, duo storico britannico dell’electro-dance anni Ottanta che festeggerà il trentennale di carriera, inizia alle 21. 30.

L’ingresso di Robbie, il boato della piazza. Si parte. Prima, ormai un must degli spettacoli della star inglese, il “National Anthem of Robbie”. Il personale inno nazionale con tanto di testo proiettato per far cantare tutto il pubblico. L’ingresso è in accappatoio da boxeur con sotto canotta di ordinanza e gonnellino nero. Stile da pugile come un boxeur su un ring (il pugilato è uno dei temi dell’ultimo album). La scaletta è cucita su misura per l’Heavy Entertainment Show, in cui trovano spazio le canzoni contenute nel disco uscito lo scorso autunno. Si parte con “Let me entertein you” e “Monsoon”. Non sono mancati, poi, i singoli “Party like a russian” con una festa in stile sovietico e “Love my life”) e le hit che lo hanno reso famoso in tutto il mondo e molto cover. Su “Minne the morcher” di Cab Calloway anche un coro “ari, ari, ari oh Lucca”. Nella scaletta di 17 canzoni, con un medley a metà scaletta, omaggio a George Michael sulle note di “Freedom 90”. Poi, altra consuetudine dei suoi concerti, sulle note di “Something stupid”, fa salire sul palco, canta e balla insieme ad una fan. Che, guarda caso, è lucchese. E si chiama Tania. La chiusura è una dedica speciale a Frank Sinatra con l’eterna “My Way” e con il pezzo più romantico della sua carriera, “Angels”. Cantata praticamente insieme agli 11mila del Lucca Summer Festival.

Con Robbie Williams, oltre ad una serie di effetti speciali, una decina di ballerine in costume nero e a scrorrere alle sue spalle nel maxi schermo tutti i suoi video musicali.

Prima del concerto qualche coda sotto il caldo, ma le file sono state smaltite senza problemi grazie al piano allestito dagli organizzatori e dalla questura per garantire la sicurezza ma senza penalizzare le attività commerciali. Inoltre c’era il precedente di due anni fa, con 16mila spettatori in piazza Napoleone (record per la manifestazione, escluso lo stadio Porta Elisa) quando la gestione del pubblico fu impeccabile da parte dell’organizzazione che ha dimostrato che si possono organizzare show dai grandi numeri in piazza Grande. Questo concerto era anche un banco di prova per le misure anti terrorismo.

Dopo le polemiche in occasione del concerto degli Imagine Dragons si è aggiustato il tiro. Soddisfazione anche per l’organizzazione targata D’Alessandro e Galli.

«Tutto è andato faticosamente bene e alla fine sono i risultati che contano», ha detto dell’evento Mimmo D’Alessandro.

Archiviato il concerto-bis di Robbie Williams il Summer si prende una pausa

di quattro giorni. La musica torna venerdì sera con i tenori del Il Volo, le nuove star dell’hip hop mondiale Macklemore e Ryan Lewis (unica data italiana) e il 23 luglio un’altra chicca con l’attesissimo concerto dei Kasabian.


 

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista