Quotidiani locali

Bracco primo a Lucca, quinto nella maxi Asl

Il ginecologo sempre al top nella classifica degli stipendi. In classifica mancano i camici rosa

LUCCA. Far nascere i bambini è la cosa più bella del mondo e per di più è remunerativa. Soprattutto se i è dei maestri nel farlo. Lo sa bene il dottor Gianluca Bracco, che per il quarto anno consecutivo è il medico più pagato dell’ex Asl 2. Classe ’59, il direttore di Ostetricia e ginecologia dal 2014 si aggiudica la palma dei camici d’oro: tre anni fa guadagnò 315.000, nel 2015 arrivò addirittura a 327.000 euro, mentre nel 2016 incassò 299.000 euro. Stavolta il dottor Bracco si ferma a 293.000 e il calo è dovuto ai minori incassi delle visite private, la cosiddetta libera professione consentita ai medici della sanità pubblica: in cambio l’Asl incassa una bella fetta dei soldi pagati dai pazienti. Quest’anno il ginecologo è arrivato a 182.000 euro mentre lo scorso anno l’intramoenia gli aveva portato ben 195.000. Un primato che conferma la capacità del medico lucchese di attrarre pazienti da tutta la Toscana. Se si allarga lo sguardo a tutti i dirigenti medici dell’Asl nord ovest (in totale 3.067) Bracco è quinto in graduatoria, dietro al primatista assoluto Massimo Cecchi (798.000 euro, vedi pezzo a fianco), al radiologo Dante Tagliaferri di Livorno, al dermatologo Giovanni Bagnoni (435.000) sempre di Livorno, e all’oftalmologo di Massa Carrara Franco Passani (344.000).

Gianluca Bracco
Gianluca Bracco


Il podio. Tornando al territorio lucchese, sul secondo gradino del podio compare un nome nuovo e per di più non un primario: si tratta del dottor Roberto Lorenzoni (288.771 euro), 57 anni, cardiologo della scuderia Bovenzi esperto nel trattamento delle tarteriopatie degli arti inferiori. Sul terzo gradino del podio trova posto un altro habitué di queste classifiche: si tratta del dottor Manlio Fabrizio Bianchini (230.464 euro), direttore della Diagnostica e interventistica ecografica, considerato uno dei migliori clinici in circolazione.

Alessia Macchia
Alessia Macchia


Pochi camici rosa. E veniamo alle dolenti note: per trovare una donna occorre scendere molto in basso: la prima classificata è la dottoressa Alessia Macchia (38° con 126.971 euro), che peraltro il 1° luglio ha salutato l’Asl, dove ricopriva il ruolo di direttore del dipartimento Gestione risorse umane per tutta l’area nord ovest, per accasarsi a Imt in veste di direttore amministrativo. Dietro di lei c’è la dottoressa Monica Mazzoni (39°, 126.674 euro). Quello dei camici rosa è un tema non nuovo negli ambienti sanitari. Un’indagine dell’Ordine dei medici della provincia di Roma nel 2011 (campione di 1.597 soggetti), analizzando l'accesso delle donne medico ai vertici della sanità e il loro grado di soddisfazione, svelava difficoltà nell’avanzamento di carriera. Non solo: il dato più inquietante riguardava il capitolo su “Stalking e violenza”: quasi una dottoressa su quattro confessava di aver ricevuto offese od offerte sessuali inopportune (46,4%). Il 4% aveva addirittura subito violenze fisiche. Quello delle donne medico è un argomento su cui anche a Lucca varrebbe la pena aprire una riflessione.

Non solo i medici. Nella lista dei 569 nomi che vedete qui sotto ci sono anche i dirigenti amministrativi dell’Asl, che pur occupando posizioni di vertice all’interno dell’azienda guadagnano meno dei colleghi impegnati in corsia e in sala operatoria. Alcuni, tra l’altro, non sono più in servizio a Lucca. È il caso del dottor Sergio Coccioli (94mila euro, in foto), ex direttore del San Luca andato in pensione a settembre; o del dottor Claudio Sabò (122mila), responsabile di Anatomia patologica, che ha lasciato l’attività. Tornando a chi è ancora operativo a Lucca, segnaliamo il dottor Luigi Rossi, responsabile della zona distretto della Piana (100mila euro), mentre la dottoressa Michela Maielli, prima responsabile della zona distretto della Valle del Serchio e attuale direttrice del San Luca si attesta su 106mila euro.

Stipendi Medici Lucca 2017 by Gianni Parrini on Scribd

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista