Quotidiani locali

Comics, 500 richieste di stand nel primo giorno   

Lucca, le grandi aziende puntano a palazzi e chiese per gli allestimenti

LUCCA. Ci siamo. Giovedì 20 aprile sarà il giorno delle rivelazioni per i Comics: nella prestigiosa cornice di Tempo di libri, la nuova fiera dell’editoria italiana che si svolge a Milano, verranno svelati tema e manifesto della 51ª edizione del festival lucchese. Bocche cucite e massimo riserbo da parte degli addetti ai lavori che ci tengono a non far uscire anticipazioni. Ma qualcosa emerge: data l’alternanza tra un autore italiano e uno straniero, e quella tra fumetto e illustrazione fantasy, a prendere il testimone da Zero Calcare sarà un maestro dell’illustrazione fantascientifica a stelle e strisce. Il nome però è top secret. L’appuntamento di giovedì fornisce l’occasione per fare il punto sui prossimi Comics con Emanuele Vietina, che dopo gli anni a fianco di Renato Genovese, si appresta a firmare la prima edizione da direttore unico dell’evento: «Il manifesto e lo slogan – spiega Vietina – così come quelli del passato, sono legati alla questione identitaria ed evolutiva del festival. Quest’anno saranno ancora di più incentrati sul nostro pubblico...».
Non resta che aspettare. Intanto i Comics 2017 stanno prendendo forma e qualche anticipazione si può già fare. «Mercoledì abbiamo aperto il modulo per le domande di adesione degli espositori: ne sono arrivate 180 solo nelle prime due ore. Abbiamo chiuso il primo giorno a 500. Direi che come calcio d’inizio non c’è male. Aprile è il mese in cui partecipiamo alle grandi manifestazioni per dare visibilità al nostro festival: a Play di Modena con il gioco dell’anno, alla fiera del libro per ragazzi di Bologna e ora a Tempo di libri a Milano, un’alleanza importante tra le due manifestazioni. Alla Fiera Rho porteremo mostre e performance oltre alla Walk of Fame Experience, dove il pubblico potrà immergere le proprie mani nelle impronte lasciate da alcuni dei big ospiti a Lucca Comics & Games».
Per quanto riguarda la geografia della manifestazione, gli ambienti verranno definiti nei prossimi due mesi. Ma una tendenza emerge già: «Il nostro staff sta facendo una selezione delle location – spiega Vietina – Le proporremo ai grandi editori: adesso più che in passato sono interessati ad abbandonare le tensostrutture per occupare palazzi storici, ville private e chiese romaniche dell’arborato cerchio. Lo scorso anno ci furono già Villa Bottini, Cavallerizza, i sotterranei delle Mura. Quest’anno la tendenza sarà ancora più accentuata. Questo del resto è uno dei punti di forza dei Comics: ovvero la capacità di far dialogare le proprietà intellettuali delle aziende partecipanti con la dimensione storico, artistico e monumentale della città. Un grande evento si può fare a Los Angeles, Seul o Berlino. Ma questo cortocircuito magico si crea solo a Lucca».
Purtroppo l’edizione 2017 dei
Comics non potrà contare sul nuovo Expo del fumetto per il quale l’amministrazione comunale ha a disposizione quasi 5 milioni di euro. «Abbiamo presentato un progetto di massima – prosegue Vietina – ma ci vorranno almeno due anni per vederlo realizzato. Sarà pronto per l’edizione del 2018».

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

TORNA IL CONCORSO PIU' POPOLARE DEL WEB

Premio letterario ilmioesordio, invia il tuo libro