Quotidiani locali

l’evento al real collegio

Kasper elogia Fratel Paoli e la diocesi

Il porporato annuncia nuove aperture del papa sulla famiglia

LUCCA. «Tra pochi giorni (19 marzo) uscirà un documento di circa duecento pagine in cui Papa Francesco si esprimerà definitivamente sui temi della famiglia affrontati durante lo scorso sinodo e in particolare sulla partecipazione dei fedeli divorziati e risposati alla vita attiva della comunità cattolica. Questo sarà il primo passo di una riforma che farà voltare pagina alla Chiesa dopo 1700 anni».

È quanto affermato dal cardinale Walter Kasper lunedì sera durante l'incontro al Real Collegio di fronte a un'aula magna gremita per l'occasione.

«Non dobbiamo ripetere formule del passato e barricarci dietro il muro dell'esclusivismo e del clericalismo, la Chiesa deve vivere i nostri tempi e saperli interpretare», ha dichiarato il cardinale tedesco.

«In questo senso - ha aggiunto - sarà fondamentale una rivalutazione del ruolo della donna che dovrà avere la possibilità di accedere a posizioni chiave anche della vita amministrativa della Curia e delle diocesi. Nella Curia romana è presente un dicastero sulla famiglia dove non c'è la presenza di donne, questo deve cambiare, le donne sono parte fondamentale della famiglia».

Il giornalista Raffaele Luise, presente all'incontro come relatore, ha affermato che «quello che abbiamo avuto la fortuna di sentire questa sera a Lucca da un membro chiave della Curia è rivoluzionario».

Il vaticanista ha poi ricordato la figura di Fratel Arturo Paoli: «È doveroso ricordare un uomo simile nella sua Lucca, Paoli per certi versi è stato un precursore della rivoluzione di Francesco ma purtroppo la chiesa italiana sta già iniziando a dimenticarlo».

Infine il cardinale Kasper ha elogiato l'arcidiocesi di Lucca per il suo impegno nell'accoglienza dei profughi.

«L'Arcidiocesi di Lucca - ha detto - sta facendo un ottimo lavoro sull'accoglienza in un momento in cui in Europa molti chiudono le porte e alzano muri». A questo proposito il porporato ha ribadito che «l'Europa in questo momento è irresponsabile, io da europeo e da tedesco provo una grande delusione per la pessima figura che l'Unione sta facendo. In Europa manca un'autorità morale, la misericordia e la solidarietà sono le risposte ai fatti dei nostri tempi».

Infine l'arcivescovo Italo Castellani si è detto molto

soddisfatto per aver portato a Lucca un personaggio di così alto profilo. «Il mio ringraziamento - ha sottolineato - va a don Lucio Malanca e alla comunità parrocchiale del centro storico che si sono impegnati attivamente per la realizzazione di questo incontro».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NUOVO SERVIZIO

Promuovi il tuo libro su Facebook