Quotidiani locali

Municipale unica, Martini comandante

Nominato dalla conferenza dei sindaci. Ma a Borgo è botta e risposta sull’ingresso di Coreglia

BORGO A MOZZANO. Botta e risposta tra opposizione e amministrazione comunale sulla gestione associata del servizio di polizia municipale a cui hanno aderito Pescaglia, Bagni di Lucca e Borgo a Mozzano. A sollevare dubbi sul progetto Andare Oltre: «Nella bozza di convenzione sottoposta alla votazione dei tre consigli comunali era previsto che anche Coreglia ne facesse parte ma invece si è appreso che l’amministrazione se ne è tirata fuori ancora prima che l’associazione vedesse la luce. Qualsiasi cittadino, leggendo ciò, si chiederà che valore possa avere uno studio di fattibilità su quattro comuni (basato su una determinata superficie di territorio e un determinato numero di vigili), se poi le cose cambiano e restano 3 i comuni aderenti. Alle nostre richieste di spiegazione è stato risposto che la convenzione è valida anche con due sole due amministrazioni come socie». In passato, spiega il gruppo, «si era già provato a creare un corpo unico della Polizia municipale con risultati non troppo positivi. Nel 2011 fu infatti inaugurata a Ghivizzano la sede dopo tre anni di studi di fattibilità approfonditi e dibattiti politici. Nel dicembre 2014 il sindaco Amadei uscì però dalla compagnia perché, attraverso la collaborazione con la polizia provinciale, poteva far risparmiare al proprio comune 17mila euro l'anno (il 50% di quanto spendeva in associazione). Un anno fa – dice ancora Ao – ritornammo quindi “ai santi vecchi”, la sede di Ghivizzano fu abbandonata e con essa i soldi investiti. Oggi questo nuovo progetto con dati aleatori, in dimensioni ridotte e senza coinvolgimento dell’intera Unione dei Comuni».

A rispondere il sindaco Patrizio Andreuccetti: «La convenzione stipulata porterà risparmi e garantirà maggior sicurezza per i cittadini grazie ad una presenza capillare e più organizzata dei vigili, anche in orari notturni e durante le festività. Il nuovo servizio è aperto all’ingresso di altri Comuni e nasce fin da subito come una vera funzione associata. A differenza del passato – prosegue il primo cittadino di Borgo – vi sarà una gestione diversa delle entrate e delle uscite, che garantirà tutti sia in base al territorio che alla popolazione». La conferenza dei sindaci che gestisce il servizio, dice Andreccetti, «ha individuato come nuovo comandante Marco Martini della polizia provinciale che dal 1 di gennaio sarà in servizio da noi. La scelta è ricaduta su una persona esperta,

di comprovate capacità, esterna alle attuali gestioni e perciò sopra le parti. Tredici unità saranno irradiate sul territorio tramite un unico centro operativo assicurando un’organizzazione più razionale ed efficiente. Il percorso, a parere nostro parte con i migliori auspici». (c.l.)

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro