Quotidiani locali

Rubato e gettato via il Gesù del presepe di Ponte a Serraglio

La statua è stata poi ritrovata sulla sponda del fiume Lima Già undici anni fa ci fu il “rapimento” del Bambino

BAGNI DI LUCCA. Dopo 11 anni esatti Gesù Bambino viene trafugato di nuovo. È successo al Presepe allestito da Marco Frediani, titolare del Ristorante “da Vinicio” a Ponte a Serraglio, e dal quale negli ultimi giorni è stata portata via la statuina di Gesù Bambino. La stessa è stata però ritrovata dopo pochi giorni sulla sponda del torrente Lima, che passa proprio lì sotto, e subito rimesso al suo posto.

Si potrebbe pensare a uno scherzo da parte di qualche “ragazzaccio” del luogo, se non fosse che già nel 2004 il presepe fu preso di mira, si suppone, da qualche buontempone, che anche in quel caso portò via la statuina del bambinello sostituendolo con un biglietto – scritto in lettere grossolane – con su scritto “Torno subito”. Allora bastarono pochi giorni perché i cosiddetti sequestratori riportassero Gesù alla sua capanna, ancora dentro a un sacchetto del supermercato.

Il Presepe è stato allestito su un vialetto privato che collega la via provinciale vicino al Casinò con la via che porta a Bagni Caldi, un viale molto grazioso perché fiancheggiato da piante e da un roseto antico e molto curato, ma non solo, le statue, di circa 50 cm ciascuna, sono di un certo livello e date in prestito da un artigiano locale. L’allestimento poi è evidenziato da un percorso luminoso che ne valorizza l’effetto scenografico.

Questo non è bastato ad ostacolare il misterioso “rapitore” di statuine. Infatti ha pensato bene di togliere Gesù Bambino dalla sua scarna dimora e di gettarlo dalla ringhiera che fiancheggia la strada, giù nelle fredde acque del fiume. La statuina però è rimasta sulla sponda del Lima, in una zona ricca di vegetazione che fortunatamente ha protetto la statuina.

Anche questa volta l’accaduto, nel paese di Ponte a Serraglio, ha preoccupato alcuni e creato ilarità in altri, mentre ha fatto infuriare nuovamente Marco Frediani, ideatore e scenografo del Presepe in salita. Però, mentre nel 2004 furono coinvolti nella vicenda anche i carabinieri della stazione di Bagni di Lucca. Questa volta invece non è stato necessario, perché qualche abitante della zona nei giorni subito dopo la scomparsa ha osservato qualcosa di particolare sul fiume, così particolare da sembrare proprio il Bambinello trafugato. E così qualche baldo giovanotto ha pensato bene di recuperare la statuetta e di riporla prontamente

al suo posto. Così anche questo secondo caso è rimasto irrisolto.

Che ci sia proprio un ladro specializzato in sequestri di immagini del Presepe, come sostiene piuttosto infuriato il creatore dell’installazione, o che si tratti di qualche buontempone che non sa come passare il tempo?

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro