Suolo pubblico, scattano le multe

I vigili danno il via ai controlli: agli irregolari sanzioni fino a 639 euro

     LUCCA. Multe fino a 639 euro per chi occupa indebitamente spazi pubblici. Bar, ristoranti e tutte le attività che usufruiscono del suolo pubblico saranno infatti al centro di un'operazione di controlli che la polizia municipale sta mettendo a punto.  Passati gli impegni contingenti legati ai controlli durante il periodo delle festività, che hanno portato in città una marea di turisti e visitatori e impegnato fortemente gli agenti della polizia municipale, ora il comando di San Donato sta progettando, su input dell'amministrazione comunale, una serie di interventi finalizzati alla verifica dell'utilizzo del suolo pubblico da parte di tutte le attività commerciali e i pubblici esercizi che, in particolare da questo periodo dell'anno fino all'estate, usufruiscono di spazi all'aperto di proprietà pubblica.  I controlli partiranno dal centro storico, dove è più fitta la densità delle attività che durante la stagione turistica estendono all'esterno la superficie occupata dai propri tavoli e sedie. Ma non si fermeranno al solo perimetro del centro: proseguiranno, via via a raggiera, su tutto quanto il territorio comunale.  In particolare, verranno condotte due tipi di verifiche. In primo luogo quella di appurare se l'occupazione del suolo pubblico da parte dei singoli esercizi è regolare; ovvero se questi sono in possesso della specifica autorizzazione da parte del Comune. In secondo luogo, verrà verificato se gli esercizi in possesso di autorizzazione a occupare il suolo pubblico osservano le prescrizioni imposte, ad esempio in termini di spazi consentiti.  Gli esercizi che saranno trovati fuori regola saranno quindi passibili di multa, in base alle previsioni dell'articolo 20 del codice della strada attualmente vigente, in materia di occupazione della sede stradale. Articolo che prevede, in caso di occupazione illecita del suolo pubblico o di mancato rispetto delle prescrizioni, multe da 159 a 639 euro. Barbara Antoni      Nel centro storico Prende campo l'orario continuato  LUCCA. Alla spicciolata, in modo del tutto spontaneo, sempre più negozi del centro storico optano per l'orario continuato. Una tendenza che si afferma di giorno in giorno in queste settimane.  Il numero di negozi che la condividono cresce quotidianamente, come dimostrano le commesse impegnate al lavoro non stop.  Una scelta che «sta prendendo sempre più campo», come osserva il presidente del consorzio centro commerciale naturale In Lucca di Ascom Federico Lanza.  Del resto, sottolinea lo stesso Lanza, «il periodo da adesso ad agosto è quello migliore per praticare l'orario continuato. Potrà sembrare strano, ma i mesi più adatti a tenere i negozi aperti senza pausa sono quelli più caldi. Ormai lo abbiamo potuto sperimentare sul campo negli anni: il momento ideale dell'anno per lo shopping nella pausa pranzo è compreso fra luglio e agosto».

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    04 maggio 2011

    Altri contenuti di Cronaca

    Annunci

    • Vendita
    • Affitto
    • Casa Vacanza
    • Regione
    • Provincia
    • Auto
    • Moto
    • Modello
    • Regione
    • Regione
    • Area funzionale
    • Scegli una regione

    Negozi

    ilmiolibro

    Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana

     PUBBLICITÀ