Quotidiani locali

I baby fotografi e lo sguardo sulla città

Premiati al Niccolini Palli gli alunni delle medie che hanno partecipato al concorso patrocinato dal Tirreno

LIVORNO. Il concorso Imago Junior “La mia città”, organizzato dall’associazione Aurili in collaborazione con l’istituto Niccolini Palli e con il patrocinio del Tirreno (che segue l’iniziativa fin dalla prima edizione), premia per il terzo anno gli scatti dei migliori fotografi in erba delle scuole medie livornesi. In prima fila 13 alunni, che hanno saputo immortalare nei loro scatti l’anima della nostra città con uno sguardo innovativo.

«La nostra missione è sviluppare l’interesse dei ragazzi per le discipline artistiche, compresa la fotografia», spiega il presidente di Aurili Gianfranco Porrà, prima di consegnare ai 4 vincitori (al terzo posto c’è un ex aequo) una borsa di studio stanziata dall’associazione per un valore complessivo di 400 euro, e di omaggiare gli altri 9 classificati con una copia del libro di Franco Bellato dal titolo “Livorno libera città”, donato dalla Fondazione Livorno, e un attestato di partecipazione. Accanto a lui, nella giuria riunita nell’aula magna dell’istituto di via Ernesto Rossi, la preside Nedi Orlandini, le professoresse del Niccolini Palli Rosaria Bruno e Maria Antonietta Monaco, la consigliera dell’associazione Laura Marchisio, il socio Roberto Mariotti, il giornalista del Tirreno Mauro Zucchelli e il fotografo del Tirreno Riccardo Repetti.

I CLASSIFICATI. Giulia Brondi (Borsi, 2ª D), Lavinia Ciucci (Bartolena, 3ª I), Giorgio Domenici (Bartolena-S. Simone, ª1B), Gaia Mancuso (Borsi, 2ª C), Indira De Liso (Borsi, 3ª C), Linda Cignoni (Mazzini, 1ª D), Chiara Leoni (Bartolena-San Simone, 2ª B), Giorgio Scanzo (Bartolena-via Bois, 3ª I), Tommaso Mocerino (Picchi Collesalvetti, 2ª A).

I VINCITORI. Terza ex aequo Agata Piccini (Borsi, 2ª C) con “Paradiso mascagnano”, per lei una borsa di studio da 80 euro e la menzione speciale del Tirreno «riguardo alle componenti geometriche e al risultato cromatico della sequenza delle colonnine» che incorniciano la Terrazza. Terza ex aequo Emma Marchetti (Borsi, 2ª B) con “Spennellate di Livorno” dedicata alle cantine prospicenti la Fortezza Nuova, anche per lei la borsa di studio da 80 euro. Secondo Gioele Orsini (Bartolena-San Simone, 1ª O) con “Quella strada verso il mare”, quello dei Tre Ponti, per lui la borsa di studio da 110 euro. Prima Lisa Bianchi (Borsi, 3ª C) con “Guardare Livorno con diversi occhi…ali” , per lei la borsa di studio da 130 euro: a impressionare

la giuria – viene ribadito – «una opera molto apprezzata per l’originalità della scelta tecnica e della finalità descrittiva, e per la scelta cromatica», uno scorcio della zona portuale filtrata dalla lente rosa di un paio di occhiali da sole. (m.sc.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro