Quotidiani locali

Giovani attori e star per dar volto e voce al racconto corale

Intorno ad un cast affollatissimo si dipana il film tv che incrocia storie e emozioni di generazioni diverse

È davvero un cast a misura di romanzone quello di “Romanzo famigliare”, il film tv in sei puntate che andrà in onda da domani su Raiuno. Cast quasi a misura di vera e propria serie sia per la quantità di personaggi che si intrecciano nella storia sia per le caratteristiche di ciascuno di loro. Un mix sapiente di attori rodati e giovani emergenti, volti quasi sconosciuti e artisti di lungo corso che la regista Francesca Archibugi ha messo insieme con grande attenzione, ben sapendo che sono facce e personalità l’ingrediente principale di un film, quelle che fanno camminare una sceneggiatura, conquistano il pubblico, fanno riconoscere e ricordare un titolo piuttosto che un altro dove a trame magari avvincenti non corrispondono interpreti ben scelti e ben accozzati e in sintonia con la vicenda che si narra. Così, per questo drammone ambientato proprio a Livorno Archibugi ha messo in campo una galleria di uomini e donne, ragazze e ragazzi, affidando loro ruoli e personaggi ben delineati. Ci sono anche alcuni attori livornesi (Annalisa Arena, Guglielmo Favilla, Isabella Cecchi Claudio Marmugi, in ruoli minori ma accuratamente caratterizzati) e la voce narrante del film è Marco Messeri, origini livornesi e una lunga carriera nel cinema e nella tv, che interpreta anche il ruolo dell’autista del patriarca.

Protagonista della mini serie è Vittoria Puccini che ha esordito nel 2000 con Sergio Rubini in “Tutto l’amore che c’è” e da allora ha collezionato parti su parti passando per quell’Elisa di Rivombrosa che l’ha lanciata nello star system. Puccini nel film di Archibugi veste i panni e l’anima di Emma, ex ragazza mai cresciuta, nata in una ricca famiglia livornese dominata da Gian Piero Liegi patriarca autoritario, mamma dell’adolescente Micol e moglie di Agostino, militare all’Accademia Navale. Tre personaggi chiave questi per i quali sono stati scelti una quasi esordiente come Fotinì Peluso (vista nella serie “Non uccidere 2”, Giancarlo Giannini(è lui il patriarca) e Guido Caprino attore di teatro, televisione e cinema soprattutto
d’autore. Ma di spessore e con bei curriculum alle spalle sono anche gli altri, gli interpreti dei personaggi che ruotano attorno alla famiglia protagonista della storia. A partire da Anna Galiena alla quale è affidato il camice bianco di una ginecologa competente quanto empatica.

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro