Quotidiani locali

Casette per gli uccellini tra piante, fiori e magia È il mondo di Harborea

Inaugurazione a Villa Mimbelli con una dedica ai “bimbi motosi”  Fino a domani spazio a spettacoli, laboratori e mostra mercato

LIVORNO. La settima edizione di “Harborea – festa delle piante e dei giardini d’oltremare”, nel settecentesco giardino di villa Mimbelli baciato dal sole, si apre nel segno del rinnovamento e della rinascita. Si apre con una dedica speciale di Marcella Montano Musetti, presidentessa del Garden Club Livorno organizzatore della manifestazione, ai “bimbi motosi”, e con il conferimento di un attestato al merito ai vivai Biricotti. È lo stesso sindaco Filippo Nogarin a consegnarlo nelle mani del titolare direttamente. Il primo cittadino poi, come anticipato dall’assessore alla cultura Francesco Belais, annuncia che «il 23 ottobre aprirà il cantiere per il restauro conservativo della Villa, sede del museo civico "Giovanni Fattori", che sarà completato in 270 giorni». E se l’ottava edizione potrà dunque contare su una cornice ancor più suggestiva, la settima nel frattempo mette a segno numeri sempre più grandi. «Quest’anno abbiamo 90 stand, 20 in più rispetto al 2016, accuratamente selezionati» spiega la vice-presidentessa Paola Spinelli Campora, che poi prosegue: «L’obiettivo è quello di superare gli oltre 10 mila visitatori della scorsa edizione». Orgogliosamente soddisfatta Montano Musetti: «Siamo partite come un gruppo di donne con pochi stand e tanto coraggio, oggi i nostri corsi fanno il tutto esaurito tra gli adulti e i bambini possono divertirsi con tanti laboratori didattici a loro dedicati». E tra i primi giovanissimi ad arrivare ci sono le classi quinte sezioni A e B delle Natali. Il successo della fiera-mercato è testimoniato anche dalle pagine dedicate all’iniziativa su prestigiose riviste di settore, che hanno senz’altro contribuito a richiamare turisti da tutta Italia. «Alberghi e bed & breakfast in questo periodo non hanno più camere libere» spiegano Belais e l’assessora al commercio Paola Baldari: «Harborea si conferma oramai come un appuntamento imperdibile, vero e proprio fiore all’occhiello del calendario livornese». Ed anche Nogarin ne sottolinea la caratura nazionale: «Harborea, come Livorno, è caratterizzato dall’inclusività. Entrambi riuniscono in sé gli elementi più belli provenienti da ogni parte del mondo». Non a caso infatti la nostra città anticamente era detta “La rosa del Tirreno”. Dopo il taglio del nastro Harborea prosegue fino a domenica 15 ottobre. Nel giardino di villa Mimbelli si trovano piante, erbe, fiori, piante esotiche, ortaggi, spezie e sementi, ma anche arredi da giardino e prodotti eno-gastronomici biologici tipici e inusuali. L’intero incasso andrà alle persone colpite dall’alluvione d.

Il programma di oggi. Ore 9.30 apertura mostra mercato; ore 10.30 allo stand Garden Club lezioni di decorazione floreale con le insegnanti Maisi Razzauti e Renata Menicagli sul tema “Bacche e fiori per un centrotavola d’autunno”; ore 15.30-18 Laboratorio di Decorazione Floreale; ore 11Caffè Letterario “Livorno bazar del Mediterraneo” ; ore 11.30 Carlo Pagani e Mimma Pallavicini parleranno di “Datteri e altre bacche edili”; ore 12.30 Spettacolo: Massimo Signorini (fisarmonica) e Marco Vanni (sax): Musiche da film ; ore 15 Alessandro Butta “Le piante tintorie, i colori della natura” ; ore 15.45 Alessandro Guiggi “Le opunzie ed il territorio livornese”; ore 16.30 Alberto Tintori “Agrumi da tutto il mondo: I cedri”; ore 17.15 Eleonora Cozzella
“Il pepe, il piccolo frutto carnoso raccolto dalle scimmie, che ha cambiato la storia della cucina”; ore 18 degustazione con marmellate, frutta secca e canditi offerta da Frutta secca esotica di Rossano Pacelli; ore 18.30 spettacolo: Quartetto di sassofoni Issm Pietro Mascagni.



TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista