Quotidiani locali

Addio “Pierina”, la nonna di Livorno si è spenta a 107 anni

Amneris Chicca era la persona più anziana della nostra città: è morta nella casa di riposo Villa Serena

LIVORNO. La prima guerra mondiale vissuta da bambina e con i brividi per il ritorno del padre alla stazione, la seconda invece da mamma tra i bombardamenti e la paura, poi i momenti più significativi e le vicissitudini della nostra città. Era un libro di storia, Amneris Chicca. Ma era soprattutto la nonnina di Livorno. “Pierina”, come tutti la chiamavano per la sua piccola statura, è morta sabato 5 agosto nella casa di riposo Villa Serena, dove viveva da poco meno di un anno. Aveva 107 anni e dallo scorso febbraio, dopo la morte di Lidia Riso che ne aveva 4 in più, era la persona livornese più anziana. «È stata sempre lucidissima e fino a 2-3 settimane fa scherzava con tutti - spiega la nipote Lisa Norci - forse si è arresa al caldo e alle complicazioni degli ultimi giorni, fatto sta che se n’è andata in serenità e circondata dall’affetto sia della famiglia che della casa di riposo».

Amneris era nata a Livorno il 1° febbraio del 1910 ed è morta a trent’anni di distanza dal marito Dino, scomparso nel 1987. Aveva tre fratelli, uno dei quali catturato durante la seconda guerra mondiale e ucciso dalle truppe tedesche, e due sorelle, una delle quali deceduta lo scorso anno. «La chiamavano tutti “Pierina” perché era piccola e sembrava delicata in confronto ai fratelli - ricorda Norci - invece ha vissuto più di tutti. Ha superato anche i lutti per la morte, nel corso degli anni, dei figli Mauro, Claudio e Franca: aveva una forza unica e una voglia di vivere infinita».

La festa per il suo 107° compleanno...
La festa per il suo 107° compleanno alla casa di riposo Villa Serena


“Pierina”, casalinga a tempo pieno durante la sua lunghissima vita, si trovava nella casa di riposo di Montenero dallo scorso ottobre, quando decise di seguire la figlia Franca, che era malata da tempo ed è morta a dicembre. Amneris aveva trovato comunque, nonostante l’ennesimo lutto, la forza per andare avanti. «Era molto affezionata al personale di Villa Serena - aggiunge ancora la nipote - aveva trovato un ambiente familiare e nell’ultimo anno è sempre stata trattata con amore. In questo momento così doloroso, il ringraziamento della mia famiglia va alle ragazze dell’animazione, agli operatori, agli infermieri e ai dirigenti della struttura. Mia nonna ha passato nel modo migliore anche gli ultimi mesi della sua meravigliosa vita».

L’anziana doveva il suo nome alla celebre opera “Aida” di Giuseppe Verdi, di cui i suoi genitori erano appassionati: Amneris era infatti la figlia del Re d’Egitto. Lo raccontò proprio lei al Tirreno nel febbraio del 2013, quando si presentò a votare per le elezioni politiche tra lo stupore e gli applausi del seggio di via Cecioni. Il suo 107esimo compleanno, lo scorso 1° febbraio, è stato invece celebrato con una piccola festa a Villa Serena e l’invio, da parte del sindaco Filippo Nogarin, di una rosa a nome di tutta la città. Una città che “Pierina” ha vissuto per oltre un secolo.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PROMOZIONI PER GLI AUTORI, NOVITA' ESTATE 2017

Pubblicare un libro, ecco come risparmiare