Quotidiani locali

un aiuto a chi ha bisogno

In piazza Mazzini scatta il giorno del dono:  è possibile portare oggetti che non servono più e ritirarne al massimo 5

Livorno, l' iniziativa è in programma domenica 12 marzo

LIVORNO. Ultimo appuntamento con il "Giorno del dono", l'iniziativa organizzata dall'associazione di volontariato Ecomondo con la compartecipazione del Comune di Livorno che ridà vita a oggetti e vestiti educando i cittadini al consumo intelligente.

Sono oltre 400 i visitatori passati fino a oggi tra i banchi delle piazze cittadine dove da novembre, una volta al mese, si sono dati appuntamento gli appassionati dello swap, il mercato dello scambio di abiti e oggetti, tutti rigorosamente in buono stato, importato con grande successo dall'America già da qualche anno.

L'ultimo appuntamento de "Il giorno del dono" è dunque per domenica in piazza Mazzini a partire dalle 10 fino alle 18.

«Porta quello che non ti serve, prendi quello che ti è utile», è questo l'invito dell'iniziativa alla quale si può partecipare nel modo che si preferisce: portando, prendendo oppure scambiando.

E' possibile portare il numero di oggetti che si desidera e ritirarne fino a un massimo di 5 tra vestiti, bigiotteria, giocattoli per bambini, piccoli elettrodomestici e oggettistica. Saranno bene accetti anche i prodotti alimentari (alimenti confezionati, integri e non scaduti) che saranno donati alle famiglie colpite dalla crisi aiutate dall'Emporio solidale.

«Il giorno del dono se da una parte sensibilizza i cittadini sull'importanza sociale e ambientale del riutilizzo, dei consumi intelligenti contro gli sprechi e delle realtà attive che investono nella green economy, dall'altra rappresenta una forma di aiuto concreto alle famiglie più svantaggiate - dichiara l'assessore all'ambiente Giuseppe Vece - Oltre il 30% dell'utenza del Giorno del dono è rappresentata infatti da nuclei disagiati, inoltre i beni non assegnati alla fine del progetto saranno donati ad associazioni no profit ed enti di beneficienza». Il progetto ha riscosso grande interesse tra i livornesi; un buon 70% ha portato da uno a tre sacchi di oggetti, fino a 6 chili di peso in totale e, tra coloro che sono capitati lì per caso a mani vuote, in moltissimi sono poi tornati nelle ore successive con il loro sacco.

«Oggi più che mai, complici la crisi e l'inquinamento, è importante rivedere le nostre scelte di acquisto e di consumo - conclude l'assessore - Ciascuno di

noi può e deve fare la sua parte; per questo ben vengano iniziative come "Il giorno del dono" che educano le persone al riciclo e alla riscoperta del valore dello scambio e della condivisione, in modo utile, efficace e divertente. Mi auguro che possiamo organizzare presto una nuova edizione».

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista