Quotidiani locali

pugilato 

Una notte di stelle sul ring dei Bagni Lido brilla Samuele Bartorelli, ok il baby Boldrini

Davanti a 500 spettatori, passerella anche di Protti e Lucarelli. Sconfitta con verdetto molto contestato per Poggetti

Boxe, spettacolo e solidarietà sotto le stelle. Venerdì sera nello splendido scenario dei bagni Lido, alla Rotonda d’Ardenza. Solidarietà a favore delle Cure Palliative, nel nome e nel ricordo del grande e indimenticato ex presidente del Coni Gino Calderini, prematuramente scomparso sei anni fa. E, come ciliegina sulla torta, passerella sul ring di dirigenti e giocatori amaranto. Tra loro Igor Protti, Cristiano Lucarelli, Richard Vanigli. Una passerella, la loro, con dichiarazioni d’intenti, buoni propositi e, complice Lenny Bottai, qualche frizzante battuta in vista di una stagione agonistica ormai alle porte.

A fare da cornice circa mezzo migliaio di tifosi, caldi e appassionati, felici di poter vedere in carne e ossa alcuni degli “attori” della prossima stagione amaranto. Ma pronti anche a dispensare applausi e incoraggiamenti ai boxer sul ring.

La 12esima edizione di Pugni Amaranto-Memorial Gino Calderini, nonostante l’annullamento dei due match professionistici (Lenny Bottai contro Kerdikosvili e Jonathan Sannino contro Escobar) non ha tradito le attesa e ha regalato spettacolo ed emozioni.

I match. Cominciamo dall’ultimo della serata quello, nella categoria Elite 75 Kg, vinto dal 29enne Ivan Magnani della “La Spezia Boxe” sul 37enne Alessio Poggetti della Spes Fortitude. Un verdetto ingiusto, difficile da digerire per lo stesso Poggetti, contestato dal pubblico e, a chiare note, anche dai maestri Lenny Bottai, Massimo Rizzoli e Francesco Boldrini. Il perché è presto detto. Poggetti nelle canoniche tre riprese, per arginare aggressività e velleità agonistiche del proprio avversario e costringerlo a miti consigli, si era affidato, con successo, a una guardia chiusa a doppia mandata, repentini spostamenti sul tronco e ad azioni di rimessa. Con improvvise accelerazioni a due mani, che spesso trovavano pertugi giusti al costato e al volto, e costringevano Magnani a incassare tremende mazzate che avrebbero messo in crisi anche un toro. Tutto questo però non è bastato ad assegnargli una vittoria super meritata.

Troppo penalizzante anche il verdetto, pollice verso, subito da Simone Falduto, con all’angolo il maestro Alessandro Landi, contro Mirko Castrogiovanni. Un incontro spettacolare premiato poi come migliore della serata, nel quale Simone, grazie anche a un fisico più longilineo, specialmente nel primo e in parte del secondo round aveva dimostrato di avere una marcia in più. Nel finale poi, complice un po’ di stanchezza, la bilancia del giudizio si era poi leggermente orientata a favore del boxer spezzino ma non abbastanza da giustificare un verdetto favorevole. Il pareggio ci sarebbe sembrato il risultato più giusto.

Disco rosso, anche per il bravo Davide Balestrini che non è riuscito ad arginare la maggiore aggressività del proprio avversario. Debutto sfortunato, invece, per il 30enne, Marvin Trinca, figlio del maestro Fabrizio. Alla seconda ripresa, complice un malanno fisico, l’arbitro ha stoppato il match e assegnato per RSC la vittoria a Simone Lisorini. Peccato perché Marvin, con all’angolo Marina Casini e il babbo Fabrizio, in alcuni momenti aveva messo in mostra buone doti tecniche e agonistiche.

Nella categoria Junior disco verde, invece, per Samuele Bartorelli della Spes Fortitude, al termine di un derby bello e spettacolare, contro Emanuele Gjeli dell’Apl. Due ragazzi che se continueranno su questa strada avranno un bel futuro davanti. Altro successo, sul filo di lana,

quello di Lorenzo La Rosa (P. Piombinese) su Cristiano Rocchiccioli (Fortitude), limpida infine la vittoria del 14enne Manuel Boldrini sul fiorentino e coetaneo Lin Jlachi (5 febbraio 2004), grazie a una prestazione con poche grinze e tanta concretezza. —

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro