Quotidiani locali

Sottil-Livorno, a un passo dalla rottura

Il tecnico avrebbe incontrato venerdì i dirigenti del Catania, in caso di addio c’è Cristiano Lucarelli come prima scelta

LIVORNO. C'è caldo torrido sull'asse Catania-Livorno. Ieri dalla Sicilia è rimbalzata una notizia che può produrre un terremoto sulle panchine rossoazzurra e amaranto. Nella giornata di venerdì Andrea Sottil avrebbe incontrato Pietro Lo Monaco che degli etnei è l'amministratore delegato. L’incontro si sarebbe svolto in un hotel a due passi dallo stadio. Si sarebbe trattato di un primo approccio, ma tanto è bastato per creare qualche malumore tra i dirigenti del Livorno. Sottil, infatti, è ancora legato agli amaranto da un contratto in essere fino a tutto il 30 giugno 2019. A meno che non sia proprio il tecnico a decidere di lasciare il Livorno.

Nessuno per ora conferma, ma le voci provenienti dalla Sicilia sono sempre più insistenti. D'altronde non è un mistero che il Catania voglia mettere sulla propria panchina Sottil (l’alternativa è Drago) e che con tutta probabilità all'allenatore l'idea vada pure bene visti i suoi trascorsi da calciatore in rossoazzurro.

Al momento c'è anche la possibilità che tra il Livorno e Sottil si arrivi alla rottura a prescindere da che cosa c'è nel futuro dell'allenatore: che sia Catania, qualche altra squadra o anche niente. E potrebbe essere pure lo stesso Sottil a dimettersi. A questo punto anche le dichiarazioni di Aldo Spinelli («Non ci sono motivi per cambiare allenatore») potrebbero variare se la volontà di Sottil fosse di andar via.

LUCARELLI C'È. E se dovesse saltare Sottil, chi potrebbe arrivare? L'idea più suggestiva ha nome e cognome: Cristiano Lucarelli, reduce da una buonissima stagione proprio a Catania. Inutile girarci attorno. In pole position per la eventuale sostituzione di Sottil c'è proprio Lucky. Tuttavia la strada per porta all'ex 99 amaranto non è esattamente liscia come il piano di un biliardo, tanto per cominciare perché l'ex bomber è ancora – almeno formalmente – l'allenatore del Catania. È pur vero che lo stesso ad catanese Lo Monaco giovedì in conferenza stampa ha annunciato la risoluzione consensuale del contratto prevista per la prossima settimana (Lucarelli aveva un biennale), ma finché non si arriva alle firme è prematura qualsiasi ulteriore considerazione. Inoltre, posto che il Livorno si separi da Sottil e il Catania da Lucarelli, la società amaranto dovrà trovare un accordo con Cristiano. E anche in questo caso, come fu a suo tempo per Sottil, una delle clausole da analizzare bene è quella relativa alla durata del contratto. Insomma. i destini di Andrea e Cristiano sono connessi, ma non così necessariamente legati.

LE ALTERNATIVE. Sottil-Lucarelli e tutti gli altri. Già, perchè se dovesse saltare Sottil (ripetiamo, al momento è più di una ipotesi) verranno vagliati anche altri nomi, come ad esempio Massimo Drago che l'anno scorso è stato fermo dopo l'esperienza sulla panchina del Cesena (pure lui piace al Catania).

Un altro nome potrebbe essere Aimo Diana lo scorso anno alla Sicula Leonzio. Un allenatore che ha estimatori in mezza Italia è anche Paolo Zanetti che ha guidavo il Sudtirol

fino alla semifinale playoff prima di essere estromesso dal Cosenza.

Ma al momento la situazione è fluida. Prima bisognerà capire cosa farà Sottil (e di conseguenza il Livorno): se si dovesse arrivare alla rottura, Cristiano Lucarelli sarebbe senza dubbio in pole position.

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro