Quotidiani locali

Addio Doumbia, spunta il gioiello Vido

Trattative con l’Atalanta per il giovane bomber che piace a mezza serie B, contatto col Genoa per Asencio e Micovschi

LIVORNO. Lo stand by è finito. Adesso ci si può muovere sul mercato. Magari con un passo più spedito rispetto a quello dei primi 20 giorni, anche se (bene ricordarlo) le squadre non si fanno a giugno e anche le altre formazioni di serie B sono rimaste fino a oggi praticamente immobili.

ADDIO DOUMBIA. Iniziamo con una partenza. Ieri scadeva il termine entro il quale il Livorno poteva riscattare Abdou Doumbia. La cifra era irrisoria (20mila euro) ma è stato deciso di non far valere l’opzione, anche perché lo stesso giocatore aveva espresso molte perplessità sul suo eventuale utilizzo nel 3-5-2 che ha in testa Sottil. Riscattarlo per rivenderlo non aveva senso, perché ormai i cartellini non li paga più nessuno (a meno che non sei un super per la categoria) e così il matrimonio si è rotto.

Ipoteticamente il Livorno potrebbe anche riprendere Doumbia oggi risparmiando i 20mila euro, ma non ci risulta ci sia questa intenzione.

Ieri scadeva anche il termine per riscattare Denis Baumgartner dalla Samp ma servivano 200mila euro e obiettivamente la cifra era troppo alta per quello che il ragazzo ha fatto vedere sino a oggi.

IDEA VIDO. Ieri c’è stato un contatto con l’Atalanta, società che ha una cantera dove quasi sempre si pesca bene. Sono state chieste informazioni su Luca Vido, un predestinato. Attaccante, 21 anni, nell’ultima stagione ha iniziato nell’Atalanta e finito al Cittadella, giocando da protagonista anche con la nazionale under 21 (5 presenze e 3 gol). Su di lui c’è mezza serie B tant’è che sono in pressing Cittadella, Padova, Venezia e Pescara.

In attesa di capire cosa farà Paulinho (che è rientrato in Italia), si lavora dunque per la terza punta. A proposito: come anticipato, il Carpi non ha riscattato Melchiorri a 1,3 milioni di euro ma adesso è pronto a fare un’offerta da 900mila euro al Cagliari più un ricco triennale al giocatore.

COPPIA GENOA. Sempre ieri ci sono stati anche dei colloqui con il Genoa. Sempre per il ruolo di terza punta. È tornato d’attualità il nome di Raul Asencio, 31 presenze e 7 gol nell’ultima stagione con l’Avellino: il Genoa punta a tenere per il periodo del ritiro, così da valutare se il ragazzo (20 anni) può stare in prima squadra, ma il Livorno lo vorrebbe prima.

E nei colloqui si è parlato anche di Claudiu Micovschi, 19 anni, rumeno, ala sinistra che nell’ultima stagione in Primavera ha messo insieme 27 presenze, 13 gol e 7 assist.

Si tratta chiaramente di elementi di contorno, Micovschi per intenderci può valere un Perez a livello di utilizzo. Le travi portanti sulle quali andrà costruito il Livorno devono essere molto più solide ma la sensazione è che questi colpi arriveranno comunque più avanti.

GONNELLI E PIRRELLO. Capitolo difesa. Nei prossimi giorni andrà affrontata la questione contratto con Lorenzo Gonnelli, che ha diverse richieste. Potrebbe tornare d’attualità il nome di Roberto Pirrello, rientrato al Palermo dal prestito secco ma che piace a Sottil.

VAI LUCARELLI JR. Intanto si sta facendo strada un

altro Lucarelli: Si tratta di Mattia, figlio di Cristiano, classe 1999: la prossima stagione giocherà nel Gavorrano. Un terzino mancino che nell'ultimo campionato ha militato nel Viareggio disputando 25 partite, tutte da titolare, realizzando anche due reti. In bocca al lupo.

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro