Quotidiani locali

un ex per niente amato 

Pinsoglio vince lo scudetto. Ma è già polemica

LIVORNO. La mediocrità elevata all'ennesima potenza. La pochezza tecnica direttamente proporzionale a quella del “professionista”. D'altronde nel calcio italiano di oggi funziona anche così: più sei...

LIVORNO. La mediocrità elevata all'ennesima potenza. La pochezza tecnica direttamente proporzionale a quella del “professionista”. D'altronde nel calcio italiano di oggi funziona anche così: più sei scarso sul campo, più ti senti autorizzato a fare il fenomeno fuori. Ma fin qui c'è solo la superficiale constatazione di un malcostume. La questione si fa più seria se il fenomeno spesso toglie di rispetto ad altre persone. Nell'ultimo caso addirittura a una città intera:Napoli.

Protagonista di questo altro imbarazzante capitolo della sua “carriera” è Carlo Pinsoglio. Sì, proprio lui. Il portiere su cui Paperissima potrebbe dare una monografia, quello che con una delle specialità della casa (l'uscita a farfalle) ci fece precipitare in serie C nel 2016. Sì, lui che ha fatto incetta di retrocessioni, quest'anno, strano ma vero, ha fatto la riserva della riserva della riserva di Buffon e così sebbene in campionato abbia giocato zero minuti è convinto di aver vinto lo scudetto. E dal punto di vista statistico è così.

Ma veniamo al fatto: dopo il punto “tricolore” di Roma, nel pullman juventino è stata come giusto festa grande. Dybala ha impugnato il telefonino ed è andato in diretta su Instagram. Sì lo stesso social che a Livorno Pinsoglio usò per offendere i tifosi salvo poi raccontare la burla degli hacker che gli avevano profanato il profilo. Lo stesso social fu usato da lui il 4 giugno scorso, 15 secondi dopo l'eliminazione del Livorno dai playoff per postare alcune faccine sorridenti. Anche stavolta Instagram è stato suo nemico perché lo ha immortalato mentre alzava il dito medio all'indirizzo dei napoletani ai quali ha intonato uno dei cori storici per scherno... Non bastano chili di gel sui capelli. Non sono sufficienti i tatuaggi

e nemmeno le divise della Juve per giocare a fare il portiere. Può ingannare gli juventini, Pinsoglio. Non i livornesi dei quali – in una stagione orrida – ha provato a infangare la maglia. Ma anche quel suo goffo tentativo è fallito. Perché il Livorno è tornato. Eccome se è tornato!

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro