Quotidiani locali

Valiani, è un gol che cambia la storia Gonnelli perfetto

Luci è ovunque e lotta fino alla fine, Franco galoppa L’assist di Maiorino è un gioiello, il Toro si sacrifica 

6,5 MAZZONI. Un volo in avvio, una sicurezza impressionante nelle uscite sia alte che basse, la sensazione di stare al sicuro con lui ultimo baluardo.

6 PERICO. In difficoltà in avvio quando Iapichino si sovrappone, non è molto brillante ma alla lunga tiene sulla sua corsia.

7,5 GONNELLI. Partitona. Brutto cliente Marotta, uno che mai vincerà il concorso di mister simpatia (e nemmeno va sul podio). Ringhia e lo cancella. Concentrato, attento, mai un fallo stupido, posizionamento perfetto.

6,5 PIRRELLO. Già allo stadio fa freddo, poi pronti-via ci fa venire altri brividi con un paio di interventi alla meno peggio. Cresce, ci mette il fisico e spegne Santini finchè i crampi non lo stendono (32' st Borghese 6. Entra carico, spazza 2-3 palloni pericolosi)

6,5 FRANCO. Nel primo tempo va al galoppo e sembra Ribot, asfalta la fascia sinistra ed è sempre al punto giusto. Siccome non ha 20 anni, nella ripresa passa al trotto, abbassa i ritmi ed esce sfinito (32' st Bresciani 6. Si mette dietro dove agisce Guberti e tiene bene).

7 LUCI. Esce dal campo rantolando, chissà dove ha trovato la forza per fare le scale del sottopassaggio. È talmente carico che sbaglia 2-3 interventi non da lui, ma è ovunque e nel finale difende un paio di palloni che valgono oro.

6 GIANDONATO. Play davanti alla difesa, dà ordine e consente al Livorno di tenere le distanze nelle due fasi (11' st Bruno 6,5. Entra sull'1-0 perchè c'è bisogno di un trattore al posto delle berlina. Mette il piede su 50 palloni che arrivano davanti alla difesa e non entrano in area).

8 VALIANI. Sente dolore a calciare dopo la botta al piede presa venerdì, uno di 20 anni sarebbe stato sul divano a guardarla in televisione, coi popcorn. Lui va in campo, corre, pressa, aiuta e segna il gol che può cambiare la storia del campionato. Ciccio-gol.

6,5 MAIORINO. L'assist è il gioiello incastonato in una partita dove gioca spesso da numero 8 più che da 10. Non proprio da ricordare una punizione che costringerà a riaprire il Caprilli per prendere il pallone. Ma sarà lui il valore aggiunto di fine campionato. ( 32' st Perez 6. Lotta ma soffre la fisicità di quelli del Siena)

6 MURILO. Nessuna giocata che un giorno racconteremo ai nipoti, però si sbatte. ( 26' st

Doumbia 6. Vale il discorso per Perez, fatica a tenere palla. Poi si stira e gli ultimi 10' fa lo spettatore lasciando il Livorno in 10).

6,5 VANTAGGIATO. Partita di sacrificio. Forse la prima volta in carriera che prende 6.5 senza aver mai tirato in porta..

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro