Quotidiani locali

Il Real Forte fa il passo falso e scivola giù

Imbattuta da tre mesi e mezzo la squadra  di Buglio inciampa nel San Donato Tavarnelle 

LIVORNO
22 ottobre 2017. A questa data risaliva l’ultima sconfitta del Real Forte Querceta in campionato (a batterlo fu il Viareggio). Dopo tre mesi e mezzo, la squadra di Buglio è finita nuovamente al tappeto, piegata di misura (1-0) dal San Donato Tavarnelle. Un passo falso che la fa scivolare al terzo posto in classifica e la allontana dalla vetta, ora distante 7 punti. Le assenze pesanti da sole non bastano a giustificare una prestazione piuttosto sotto tono rispetto a quelle dei mesi invernali che avevano contribuito alla clamorosa risalita in classifica. Il tecnico ha preferito Bertoni a Mastino come terzino destro, ha proposto Cito, Aliboni e Borgobello in mediana, con Chianese in appoggio a Ferretti e Falchini e Vignali inizialmente in panchina. Alla prima vera occasione, minuto 10, il San Donato Tavarnelle ha sbloccato il risultato: sulla sponda di Pozzi, Islamaj ha lasciato partire un diagonale su cui Fontana nulla ha potuto. Nell’immediato i versiliesi non sono stati in grado di reagire, complice l’ttima organizzazione difensiva dei padroni di casa che raramente hanno concesso spazi invitanti ai pericolosi attaccanti avversari. Ci ha provato Borgobello, al 28’, con un colpo di testa alto non di molto. Ritmi bassi, spazi intasati, poco spazio per lo spettacolo. In pieno recupero la staffilata di Vecchiarelli è stata ribattuta da un difensore ospite. E così le due squadre sono andate all’intervallo sul risultato di 1-0. Sorprendente alla vigilia, di certo non per quanto raccontato dalla prima frazione. Buglio ha operato due cambi in avvio di ripresa, lasciando Bertoni e Aliboni negli spogliatoi e proponendo al loro posto Mastino e Vignali, con Chianese riportato mezzala. Formazione ancor più offensiva nel tentativo di ribaltare il risultato, anche se la chance più nitida per il gol è capitata ai padroni di casa, con il cross dell’ex di turno Di Vito per Regoli, che da distanza ravvicinata non ha però saputo spingere il pallone in rete. Poco dopo, sugli sviluppi di un corner, provvidenziale il salvataggio sulla linea di Frosali, che ha così negato il pari ai versiliesi. Un botta e risposta che di fatto ha caratterizzato il secondo tempo, perché di altre occasioni degne di essere definite tali non ve ne sono state. I numerosi cambi da una parte e dall’altra sono serviti per conferire un nuovo aspetto alle due squadre, non a mutare però l’’inerzia della partita, con il San Donato Tavarnelle impegnato a difendere con le unghie e con i denti il risicato vantaggio ed il Real Forte Querceta intento a spingere in modo dissennato alla ricerca del pari. Ma l’assalto è stato guidato più con la forza della disperazione che non con la lucidità delle idee e così i difensori locali hanno nel complesso avuto vita piuttosto facile nel risolvere al meglio le situazioni di potenziale pericolo portate da Ferretti e compagni, rimasti stavolta a secco, nonostante i cinque minuti di recupero concessi dall’arbitro. Come accaduto la settimana

scorsa in occasione del derby con il Seravezza, il tecnico del Real Forte Querceta Francesco Buglio è stato allontanato per proteste. Un passo falso deleterio in ottica primo posto per i versiliesi, chiamati al pronto riscatto nel big match di domenica prossima con l’Unione Sanremo. .

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon