Quotidiani locali

Show di Picchiottino tricolore nei 5 km con record toscano

Livorno, quinto posto per Mannucci nel peso, settimo Paolini Entrano nella top ten anche Rinaldi, Bianchini e Quinti

LIVORNO. Ancora in prima pagina Gianluca Picchiottino, che ad Ancona nella rassegna dedicata alle categorie promesse e juniores si è confermato campione italiano indoor nei cinque chilometri di marcia promesse, migliorandosi di quasi 12 secondi.

L’atleta della Libertas Runners Livorno, allenato da Massimo Passoni, ha chiuso con il tempo di 19.33.90 che rappresenta il nuovo record toscano; il precedente risalente al 1987, apparteneva al fiorentino Alessandro Pezzatini che ha al suo attivo ben 29 presenze in azzurro. Un dato che ci conferma sulla bontà del risultato conseguito dall’amaranto. Il “Picchio”, partito con i favori del pronostico, si portava subito al comando mettendo in mostra un’azione piacevole ma estremamente redditizia, tant’è che finiva per doppiare tutto il lotto dei concorrenti ad esclusione del secondo classificato; una prestazione che lo propone come sicuro protagonista della stagione 2018.

Piazzamenti di tutto rispetto per un terzetto dell’Atletica Livorno. E a loro in buona sostanza non si poteva chiedere tanto di più: Alessio Mannucci, a cui si addice più il lancio del disco, non ha disdegnato di scendere sulla pedana del peso promesse dove si classificava al quinto posto con la misura di metri 15.35. Diego Paolini, stessa specialità ma categoria juniores, collezionava un settimo posto di tutto rispetto con 14,28. Il pupillo di Massimo Favoriti, Andrea Rinaldi nell’occasione tornava a saltare oltre i 7 metri nel lungo promesse, per l’esattezza un 7,14 conquistando l’ottava posizione in classifica.

Sempre in tema bianco verde, per la categoria juniores Giacomo Bianchini sfiorava il personale sui metri 400 dove poi è risultato nono in 50.62; poca gloria per Fabio Denza eliminato dopo avere corso la propria batteria dei metri 60 ostacoli in 8.79 per un 24° posto. Lisa Franceschi invece marciava nei metri 3000 in 17.38.55 per il 16°.

Per gli under 23 Sharon Guerrazzi correvva gli 800 metri in 2.21.50 e alla fine occupava la 12ª posizione; Alessandra Pacicca Demi con il record personale nel lungo portato a 5,51 si collocava al 14° posto; stessa posizione per la velocista Irene Buselli, quinta in batteria dei 60 promesse con un 7.88 che le permetteva di accedere alla semifinale dove era eliminata in 7.83: nuovo primato personale per la biancoverde in gran forma. Tornando alla Libertas, lo junior Federico Quinti nei 60 ostacoli riusciva a superare il turno con 8.52 e in semifinale riusciva a esprimersi al meglio siglando il personale

in 8.44: nonostante l’eliminazione, si consolava con il decimo miglior tempo. L’altro under 20 Francesco Miozzo, il terzo superstite di una squadra falcidiata dall’influenza, nell’alto non andava oltre gli 1,90 per un tredicesimo posto.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori