Quotidiani locali

PISTOIESE 

Errori e sfortuna: l’Alessandria fa festa, rimpianti arancioni

Dopo quattro turni utili consecutivi la Pistoiese si arrende alla squadra piemontese

PISTOIA. Errori (sia della squadra sia dell’arbitro) e sfortuna (due pali pieni) fermano la corsa della Pistoiese, che dopo 4 risultati utili consecutivi si arrende di fronte all’Alessandria col punteggio di 3-1.

Al Moccagatta, che resta stregato, decidono la doppietta di Fischnaller e soprattutto il gol di Fissore (poi espulso nel finale) arrivato poco dopo che la Pistoiese aveva trovato il meritato pareggio con Vrioni. Peccato perché la squadra si era ben comportata anche in Piemonte, ma il 2-1 arrivato sul ribaltamento di fronte successivo al legno colpito da Minardi (dopo quello di Surraco nel primo tempo) ha fisiologicamente tagliato le gambe agli arancioni, che avevano prodotto il massimo sforzo per riportare in equilibrio la gara e tentare il sorpasso a dispetto dei santi.

DOCCIA FREDDA

Indiani conferma gli stessi undici che hanno battuto la Carrarese domenica scorsa, con il consueto 3-5-2. Marcolini, orfano di Casalsola, Sestu e Gonzalez, opta per un classico 4-4-2 con Fischnaller e Marconi in avanti. «Finora ce la siamo giocata ovunque e proveremo a fare la partita anche contro l’Alessandria»: parole del tecnico di Certaldo, con i suoi che partono a spron battuto mettendo in difficoltà i grigi. Ma è l’Alessandria a passare in vantaggio: al minuto 11 Marconi impegna Zaccagno dopo una palla persa in uscita dalla retroguardia; 60 secondi più tardi assolo devastante di Fischnaller, che converge da sinistra saltando Hamlili e Minardi, vince un rimpallo con Quaranta e secca il portiere orange. Nell’occasione Zullo è colpevole di lasciare troppo spazio all’esterno trentino che, scatenato, rischia di ripetersi con un colpo di testa salvato da Zaccagno.

Fischnaller esulta, la sua doppietta...
Fischnaller esulta, la sua doppietta lancia l’Alessandria


RISCOSSA

Pian piano la Pistoiese si riprende dallo choc e torna a guadagnare metri: al 31’ colossale occasione sugli sviluppi di un calcio piazzato, con Surraco che stoppa il pallone e conclude di prima intenzione colpendo il palo. Al 40’ la Pistoiese troverebbe il meritato pareggio con la perentoria zuccata di Ferrari, ma il gol del Loco su cross di Hamlili dopo una brutta palla persa della difesa grigia viene annullato per fallo in attacco dell’argentino. Una decisione incomprensibile quella del signor Rutella, che permette all’Alessandria di andare al riposo in vantaggio. Nell’intervallo Indiani cambia le carte in tavola passando al 4-4-2 con l’ingresso di Rossini e Vrioni, per eludere meglio il pressing avversario. Una mossa che paga subito: al 5’ Zullo si riscatta con un preciso lancio dalle retrovie, Sciacca buca l’intervento e il neo entrato Vrioni, in due tempi, insacca.

DURA LEGGE

Adesso è la Pistoiese a viaggiare sulle ali dell’entusiasmo, con l’Alessandria che prova a colpire in ripartenza. Ma la sfortuna continua a imperversare e la dura legge del gol non perdona: al 17’ clamoroso palo di Minardi dopo una bella apertura di Luperini, sul ribaltamento di fronte l’uomo che non ti aspetti, Fissore, entra in area e batte il portiere orange. Un boccone amarissimo da mandare giù per gli arancioni, che perdono un po’ la bussola e affondano di nuovo dieci minuti più tardi con Fischnaller che firma la doppietta con una bella conclusione. Ritorno a casa tra i rimpianti per la Pistoiese.

 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon