Quotidiani locali

Gp di Lega Pro il Livorno parte dietro al Pisa

Sulla carta le big sono tutte nel girone A  Ecco la griglia secondo il valore dei cartellini

LIVORNO . Nel Gran Premio di Lega Pro il Livorno parte in seconda fila, dietro alla pole position del Pisa, affiancato in prima fila dall’Alessandria e davanti a Piacenza, Siena e Viterbese. A stilare una ipotetica griglia di partenza a poco più di due settimane dall’inizio del torneo e alla vigilia del sorteggio del calendario, sono i dati pubblicati dal sito specializzato transfermarkt.de che aggrega i valori di mercato dei calciatori di ogni squadra.

Ovviamente avere i giocatori più “cari” non significa vincere il campionato, e non corrisponde neanche alle possibili valutazioni delle agenzie di scommesse per l’antepost, cioè per la giocata che indica chi sarà promosso a fine stagione. Basti vedere che l’ottimo Renate in questa graduatoria sarebbe solo nono. Ma il valore dei cartellini è una chiave di lettura trasparente sulla campagna acquisti dei singoli club e può dare, partendo da valori oggettivi, un quadro attendibile. Passando ai dati il valore complessivo dei cartellini del Pisa ammonta a 6,85 milioni, quello dell’Alessandria 6,68 e quello degli amaranto 5,75.

I VALORI AMARANTO. Scorrendo le quotazioni dei giocatori del Livorno si scopre che i cartellini più costosi sono quello del nuovo acquisto di Andrés Ponce e Marco Moscati. L’attaccante in arrivo dalla Sampdoria e il centrocampista di ritorno dall’Entella hanno un costo di 600mila euro. Dietro di loro il capitano Andrea Luci che nonostante l’età è comunque quotato 475mila euro. Sul podio a quota 400mila il portiere Luca Mazzoni, seguito da Daniele Vantaggiato, reduce dalla frattura alla zigomo a quota 375, dal difensore Andrea Gasbarro (350mila) e dal nuovo arrivo Abdou Doumbia, fermo a quota 325mila. Tre, invece, gli amaranto quotati 300mila euro: Lorenzo Gonnelli, Ivan Pedrelli e Francesco Valiani.

TUTTE LE BIG. Un dato molto interessante, e che non mancherà di fare arrabbiare i tifosi amaranto, è il valore delle rose delle big del girone A rispetto agli altri: nel girone B la squadra più “ricca” è il Vicenza con 4.6 milioni di valore del monte cartellini, nel girone C i “Paperoni” sono il Catania (5,7 milioni) e il Lecce (5,5). In sintesi: le tre squadre – almeno in teoria – più importanti sono tutte nello stesso girone.

Ma torniamo al nostro raggruppamento. La seconda fila dell’ipotetico Gp sarebbe completata dal Piacenza Calcio, ma c’è un abisso rispetto al Livorno: il valore della rosa è di 3,65 milioni. In terza fila troviamo il Siena (3,58 milioni) e la Viterbese di Camilli (3,53), in quarta fila la Giana Erminio di Gorgonzola (3,53) e l’Arezzo (3,25), in quinta il Renate (2,78) e l’Olbia (2,58).

Appena fuori dalla zona playoff oggi
troveremmo Pontedera (2,43) e Monza (2,33), in settima fila Carrarese (2,25) e Lucchese (2,23), in ottava Pro Piacenza e Pistoiese. Ed ecco la zona calda: in nona fila Gavorrano (1,93) e Cuneo (1,75), in decima fila Prato (1,73) e Arzachena (1,40). (f.l.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics