Quotidiani locali

Sandy Iannella, sogno azzurro dopo anni di scudetti e coppe

LIVORNO. Dopo lo scudetto di Max Allegri (il terzo consecutivo) e quello di De Raffaele nel basket, lo sport italiano ad alti livelli continua a tingersi d’amaranto: Antonio Cabrini – ct della...

LIVORNO. Dopo lo scudetto di Max Allegri (il terzo consecutivo) e quello di De Raffaele nel basket, lo sport italiano ad alti livelli continua a tingersi d’amaranto: Antonio Cabrini – ct della nazionale maggiore femminile di calcio – ha infatti inserito nella lista delle 23 per l’Europeo in Olanda Sandy Iannella, centrocampista livornese classe ‘87 in forza al Cuneo: «La convocazione per l’Europeo suggella una stagione positiva – spiega la Iannella – con il Cuneo abbiamo ottenuto la permanenza in Serie A e ora non vedo l’ora di decollare per l’Olanda e dare il cento per cento anche per i colori azzurri».

La storia di Sandy parte da lontano, nelle giovanili dell'Acf Rovezzano, alla periferia di Firenze, salvo poi passare Cf Lucca.Nel 2004 torna a casa, per la prima volta nel Livorno, società che milita stabilmente in Serie B ma che per problemi economici e mancanza di sponsor partecipa, pur avendo chiuso il campionato 2003-2004 al terzo posto, alla Serie C. Sempre con la maglia amaranto, nel 2005-2006, sfiora la promozione in Serie A, fino al trasferimento alla Sassari Torres. In Sardegna la Iannella rimane 9 stagioni vincendo quattro scudetti, due Coppe Italia, cinque Supercoppe e un'Italy Women's Cup.

«Diciamo che non mi posso lamentare (sorride, ndr), durante la carriera ho vissuto emozioni uniche che faranno per sempre parte di me. Ora, però, l’unica cosa che conta è l’Europeo. Siamo in un girone di ferro ma non abbiamo paura di niente». L’Italia, difatti, se la vedrà nel gruppo B con Germania, Svezia e Russia, avversarie di tradizione e qualità: le tedesche, sette volte vincitrici del campionato continentale nelle otto edizioni Uefa, sono le favorite del girone e del torneo. Altra selezione da non sottovalutare è la Svezia, argento a Rio 2016. Le scandinave, prime nel raggruppamento 5 con 7 vittorie ed una sola sconfitta, vantano tra le loro fila atlete di grande esperienza internazionale. Infine la compagine russa, seconda nel girone di qualificazione alle spalle
della Germania.

«Daremo l’anima, su questo non ci piove. E colgo l’occasione per fare l’in bocca al lupo ad altre due livornesi che saranno impegnate all’Europeo: l’arbitro Carina Vitulano e Martina Angelini, commentatrice di Eurosport».

(a.m.)

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NOVITA' E LIBRI TOP DI NARRATIVA, POESIA, SAGGI, FUMETTI

Spedizioni gratis su oltre 30 mila libri