Quotidiani locali

«Chi vuole bene alla PL ora faccia l’abbonamento» 

Burgalassi conferma in panchina Mori e chiama a raccolta il popolo della triglia «Sul ripescaggio decideremo a fine mese, ma non facciamone un’ossessione»

LIVORNO. Quel che non uccide, fortifica. «Ripartiremo da Marco Mori e dai nostri tifosi - spiega il presidente della Pielle, Manolo Burgalassi - che durante tutta, e ci tengo a sottolineare tutta, la passata stagione ci hanno sostenuto riempiendo il PalaCosmelli, fino ad esplodere nella finale playoff grazie al derby con la Libertas».

Guarda avanti Burgalassi, e lo fa con rinnovato entusiasmo: «A distanza di due settimane voglio ringraziare i ragazzi per una stagione che, lo dicono i fatti, è stata incredibile; abbiamo vinto la regular season con 4 punti di vantaggio sulla seconda e il ko nel derby non macchia assolutamente un cammino formidabile. Peccato per come sia finita, ma merito di tutti – Libertas compresa – aver riportato 4000 persone al palasport per 3 partite di Serie C Gold. Faccio fatica, in Italia, a trovare un’altra città con una passione tale. Forse Bologna…».

In attesa della festa ai Bagni Lido (22 giugno, ore 21), via anche alla campagna abbonamenti (“Voi… il fattore campo!”, lo slogan…) che verrà effettuata, per tutta l’estate, alla segreteria dei Bagni Lido e in Baracchina Rossa a prezzi popolari: «Il sostegno dei tifosi è basilare per la società e per i ragazzi - continua Burgalassi - chi vuole bene alla Pielle esca allo scoperto. La tessera stagionale intera costerà 90 euro, 50 quella ridotta per ragazzi tra i 12 e i 18 anni e over 65. Previsti anche due pacchetti: coppia Famiglia 160 e Vip/Sostenitore 190 euro».

Detto di Marco Mori, la dirigenza sta sondando il mercato per rinforzare un roster già di per sé competitivo: «L’anno scorso partimmo a fari spenti, tutti ci davano per spacciati già prima dell’inizio del campionato. Poi sappiamo come è andata e infatti ora l’intenzione è quella di alzare un po’ l’asticella e puntare, almeno, la qualificazione ai playoff. Nei prossimi giorni incontreremo uno ad uno i ragazzi, l’impegno richiesto sarà maggiore e alcuni di loro hanno impegni di lavoro. Chi non potrà aderire al nuovo “sistema”, sarà libero di andarsi a divertire in altre categorie senza alcun problema».

Sulla cresta della passione e del calore sprigionato dai derby si è parlato anche di un’ipotesi ripescaggio: «Colgo l’occasione per fare un po’ di chiarezza: la nostra priorità è che la Pielle viva in eterno. E ciò significa che non escludiamo niente a priori. Se domani bussa tizio che ha le risorse per affrontare la Serie B, di certo non lo mandiamo via. Però l’eventuale domanda di ripescaggio non deve nemmeno trasformarsi in un’ossessione. Al 30 giugno faremo le valutazioni e decideremo in che direzione lavorare».

Al fianco di Burgalassi, il diesse Stefano Scardigli: «Sottoscrivo quanto espresso da Manolo: un anno fa, di questi tempi, eravamo presi
da alcune spiacevoli vicende societarie e quindi, a maggior ragione, lo splendido lavoro svolto da tutti i collaboratori, giocatori e allenatori della Pielle assume contorni ancor più rilevanti. E che bello vedere così tanti bambini sugli spalti. Loro sono la nostra forza!».



TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

LE GUIDE DE ILMIOLIBRO

Corso gratuito di scrittura: come nascono le storie