Quotidiani locali

Marchi-Venitucci il dubbio del Fosca

Squadra al lavoro per la delicata sfida contro la Giana Esami ok per Gasbarro ma torna in gruppo tra 10 giorni

LIVORNO. La luce in fondo al tunnel. Dopo un mese e mezzo di riposo quasi assoluto, interrotto da lunghe nuotate in piscina e da numerose sedute di fisioterapia, arriva qualche buona notizia per Andrea Gasbarro. Il golden boy amaranto sta meglio. È stato sottoposto a esami strumentali che hanno evidenziato i progressi del ginocchio che lo fa dannare da settimane. Se tutto fila per il verso giusto - ma stavolta la strada imboccata sembra davvero essere quella buona - tra dieci giorni il 'Gas' torna in gruppo. Certo, questo significa che Andrea salterà Livorno-Giana Erminio, ma intanto rivederlo allenarsi insieme a compagni di squadra è un progresso non indifferente.

È chiaro che per certificare il suo ritorno in campo servirà un ulteriore carico di pazienza, ma la situazione è in netto miglioramento e l'esterno sinistro si candida per disputare il finale di stagione - che sia la volata per il primo posto o la guerra civile dei playoff - al top della condizione psicofisica.

MERCOLEDI' INTENSO. Ieri per la squadra è stato un giorno impegnativo. Il gruppo si è radunato di buon mattino al Centro Coni per la parte atletica dell'allenamento. Squadra affidata alle sapienti mani del preparatore Iuri Bartoli e sessione di esercizi in palestra misti a corsa nel verde del Coni. Nel pomeriggio invece tutti in campo per l'allenamento con il pallone. La squadra è stata divisa in gruppi che hanno disputato una serie di partitelle, prima della sfida finale a tutto campo a ranghi misti.

Tra i due allenamenti, dopo pranzo, Foscarini ha radunato la squadra davanti al dvd e ha vivisezionato alcuni spezzoni della partita di domenica scorsa con l'Olbia e anche i filmati della Giana Erminio, avversaria da non sottovalutare perché in trasferta è abituata a dare il meglio di sé. Per fortuna la giornata si è chiusa senza contrattempi e defezioni.

VECCHIO MOTTO. Squadra che vince non si cambia, insegnavano i nonni e Claudio Foscarini sembra intenzionato a seguire questo antico proverbio. In sostanza contro la Giana dovremmo rivedere lo stesso Livorno che domenica ha battuto l'Olbia.

In difesa le scelte sono obbligate perché - dopo l'infortunio di Benassi - i giocatori sono contati. Il tecnico veneto chiederà un altro sacrificio a Toninelli che sarà confermato nel ruolo di terzino destro. In mezzo altra conferma per Borghese insieme a Franco.

A centrocampo Venitucci, l'uomo in grado di cambiare il 3-5-2 in 3-4-1-2, sembra sfavorito nel ballottaggio con Marchi che domenica ha pure segnato oltre ad aver portato in dote sudore e interdizione. Per la verità in questi giorni Foscarini sta ancora provando il modulo che prevede l'utilizzo di un giocatore tra linea di centrocampo e attacco, ma deve essere convinto

fino in fondo che la squadra riesca a supportare questo disegno tattico.

Altrimenti - e questa per l'appunto è l'ipotesi più accreditata - meglio andare sul sicuro con i cinque in mezzo e le due punte che saranno ancora Maritato e Murilo.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

LA PROMOZIONE

Pubblicare un libro gratis